Unicredit, più peso ai soci

A
A
A
di Redazione 1 Ottobre 2010 | 07:00
Il nuovo ad di Piazza Cordusio Federico Ghizzoni ha parlato nel segno della continuità. Ma a cambiare sarà il rapporto tra il management e le fondazioni azioniste, “rassicurate” da una governance più collegiale.

Le prime parole di Federico Ghizzoni, nominato nuovo ad di Unicredit, sono nel segno della continuità: “Il gruppo è molto forte – ha detto ieri da Varsavia dove il Cda lo ha incoronato all’unanimità – continuiamo così come abbiamo fatto fino ad ora”. Stesso registro per il presidente Dieter Rampl, assieme alle fondazioni azioniste “regista” del passaggio da Profumo a Ghizzoni: “Il mandato del nuovo ad – ha detto – sarà quello di rafforzare il posizionamento di Unicredit come banca leader in Europa proseguendo il lavoro svolto dal suo predecessore” e “il nostro impegno verso i mercati dei paesi dell’Europa centrale e orientale”.

Dunque che cosa cambia, si chiede questa mattina il quotidiano La Stampa, con l’arrivo di Ghizzoni? “Praticamente nulla”, gli risponde un consigliere. Non è però del tutto esatto: a cambiare sarà il rapporto tra management e azionisti. Rispetto al Profumo che spesso si trovava in una posizione spesso opposta rispetto agli azionisti e che rivendicava una forte autonomia, Ghizzoni parte già con un profilo diverso: è lui l’uomo che sia Rampl che le fondazioni azioniste, dopo aver cacciato Profumo, hanno scelto per poter recuperare quel ruolo perso con l’ex ad. E che verrà affiancato, sempre per volere dei soci, da uno o due direttori generali (in pole c’è Nicastro ed eventualmente Fiorentino?). La ridefinizione della nuova governance, che sarà più “collegiale”, slitterà al prossimo consiglio del 3 novembre, quando Ghizzoni dovrà presentare le sue proposte.

Nella sua funzione di ad, Ghizzoni è diventato membro di diritto sia del comitato permanente strategico, sia del comitato governance, hr and nomination di Unicredit.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X