UniCredit, la nomina di Ghizzoni parla tedesco?

A
A
A
Avatar di Redazione 1 Ottobre 2010 | 15:30
Federico Ghizzoni, neo amministratore delegato del gruppo UniCredit ha deciso: la sua sarà anzitutto una nomina all’insegna della continuità con il lavoro portato avanti dal suo predecessore, Alessandro Profumo. E dunque…

Federico Ghizzoni, neo amministratore delegato del gruppo UniCredit ha deciso: la sua sarà anzitutto una nomina all’insegna della continuità con il lavoro portato avanti dal suo predecessore, Alessandro Profumo. E dunque il primo impegno sarà la realizzazione del piano di riorganizzazione delle attività in Italia noto come “One4C”, che secondo Ghizzoni riflette la volontà del gruppo “di mettere sempre al centro il cliente” come “uno degli elementi fondanti della nostra mission e del nostro ruolo in Europa”. Per riuscirvi il manager conta sulla “esperienza e la competenze di Sergio Ermotti, Paolo Fiorentino, Roberto Nicastro”, i tre deputy-Ceo di UniCredit sui quali erano corsi in questi giorni le voci più disparate, dalla nomina a nuovi incarichi fino all’uscita dal gruppo, oltre che “dei membri dell’Executive Management Committee”.

Dichiarazioni che Piazza Affari e molti operatori prendono con una certa cautela: da un lato, infatti, il progetto del “bancone” non solo è destinato a riflettersi sulla governance dell’azienda ma anche sulla remunerazione (e le deleghe) del top management, a partire proprio dai tre ex vice di Profumo.

Dall’altro la tensione in seno al Cda, in particolare con le Fondazioni socie che hanno già “spontaneamente” fatto uscire di scena Profumo, rischia di non diminuire, perché a molti è parso chiaro che Ghizzoni, finora responsabile dell’Europa centro orientale e manager che di sé ha detto di avere “passaporto austriaco ma nel cuore sono bavarese” pare fin troppo vicino al presidente del gruppo, il tedesco Dieter Rampl.

Le tensioni ai vertici del gruppo potrebbero insomma non essere finite qui e sarà interessante vedere i primi passi concreti del nuovo numero uno nel momento in cui si tratterà di decidere se puntare nuovamente ad una crescita sui mercati esteri, magari aprendo ulteriormente il capitale a nuovi soci internazionali, o se dedicare maggiore attenzione al mercato italiano e in particolare al Nord Est. Per ora Ghizzoni glissa ed anzi nega vi siano state interferenze politiche sul riassetto ai vertici del gruppo, rischiando di vedersi allungato il naso a mo’ di novello Pinocchio.

E voi che ne dite, il dopo-Profumo sarà all’insegna della più totale continuità col suo operato o per UniCredit è arrivato il momento di cambiare rotta, oltre che uomini? Attendiamo come sempre le vostre riflessioni sulle pagine di Bluerating.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ghizzoni nominato presidente di Rothschild Italia

Ghizzoni riparte dalla consulenza con Filedo

Unicredit, a Ghizzoni 10 milioni di buonuscita

UniCredit, presto la short-list per il nuovo ceo

Unicredit: tempi lunghi per il successore di Ghizzoni e il titolo segna nuovi minimi storici

Unicredit in rialzo il giorno dopo il passo indietro di Ghizzoni

Unicredit, il passo indietro di Ghizzoni e il toto-nomi per la successione

Fineco, voci di vendita delle quote di UniCredit

Unicredit: rinnovo manageriale e aumento in arrivo?

Unicredit ancora penalizzato dall’incertezza

Unicredit torna a perdere quota a metà seduta

Al mercato piacciono gli annunci di Unicredit

Unicredit torna a piacere ad analisti e investitori

Unicredit non quota Hvb, ma sale in borsa

Ghizzoni (Unicredit): abbiamo voltato pagina nel 2014

Unicredit soffre in borsa ma Ghizzoni rassicura

UniCredit presenta il nuovo responsabile del Centro Est Europa

Mps si sgonfia in Borsa

Ghizzoni: UniCredit ha completato il funding 2012

Ghizzoni, le mille e una regola delle banche italiane

UniCredit, Ghizzoni: il cda del 25 settembre “ordinaria amministrazione”

Bnp Paribas: idee per investire su UniCredit

UniCredit, i sette samurai che guideranno l’Italia

UniCredit, Ghizzoni vede rosa sul 2012

Unicredit, il Cda approva il piano

Ghizzoni (Unicredit): vogliamo crescere in Europa Centro Orientale

Unicredit, cda slitta al 26 ottobre

UniCredit, Jan Krzysztof Bielecki l’uomo del mistero

Ti può anche interessare

Credem, c’è un nuovo focus per Euromobiliare

Presidiare in modo continuativo la qualità delle performance e l’assunzione di rischio, sia ex an ...

Oggi su BLUERATING NEWS: i quarti di Reti Champions League

Tutte le notizie e i protagonisti della giornata ...

Credem, crescita in vista nel credito al consumo con Avvera

Obiettivo: generare 1,5 miliardi di euro di finanziamenti dal 2022, tra mutui e prestiti al consumo ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X