La ripresa? Ricetta in 5 punti

A
A
A
Avatar di Francesco D'Arco 5 Ottobre 2010 | 16:27
Secondo il Fondo Monetario Internazionale è possibile salvaguardare la ripresa e rendere il sistema finanziario solido. Bastano cinque mosse.

Salvaguardare la ripresa e rendere il sistema finanziario solido è possibile. Basta una ricetta in cinque punti. A proporla il Fondo Monetario Internazionale (FMI) che suggerisce di: rafforzare i conti pubblici; prestare attenzione alle exit strategy; promuovere ulteriori riforme delle regole e maggiore chiarezza per prevenire future crisi; risolvere e gestire problemi di vecchia data del settore bancario; spingere diversi governi emergenti a concentrarsi sui potenziali effetti collaterali di prospettive economiche relativamente positive per i loro paesi. Ma ecco di seguito i punti della ricetta firmata FMI.

1) RAFFORZARE I CONTI PUBBLICI
Secondo il FMI i piani in questo senso devono tenere conto delle circostanze specifiche di ogni paese ed essere accompagnati, dove necessario, da riforme strutturali per rafforzare la crescita.

2) ATTENZIONE ALLE EXIT STRATEGY
L’invito, in questo caso, è rivolto alle banche centrali e ai governi che devono restare aperti, se e dove necessario, alla possibilità di fornire sostegno finanziario e rendere le exit strategy contingenti ai progressi sul fronte economico e della stabilità finanziaria.

3) ULTERIORI RIFORME DELLE REGOLE E CHIAREZZA SONO NECESSARIE PER PREVENIRE FUTURE CRISI
FMI promuove Basilea 3 dal momento che migliora gli standard di liquidità e rende più forte il capitale. “Ma serve di più: è essenziale un’ampia agenda di riforma per il settore finanziario che vada al di là dell’industria bancaria e gestisca i rischi sistemici creati dalle singole istituzioni e in generale”.

4) PROBLEMI DI VECCHIA DATA DEL SETTORE BANCARIO VANNO GESTITI E RISOLTI
Il FMI precisa che in alcuni paesi, sia all’interno sia all’esterno dell’Europa, istituzioni finanziarie deboli e non vitali devono ancora essere completamente risolte e forzate a ritirarsi da attività non redditizie per ridurre un eccesso di capacità.

5) DIVERSI PAESI EMERGENTI DEVONO CONCENTRARSI SUI POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI DI PROSPETTIVE ECONOMICHE RELATIVAMENTE POSITIVE PER I LORO PAESI
Il FMI non dimentica le economie emergenti. I Governi di questi paesi dovrebbero prendere misure per lo sviluppo dei mercati dei capitali locali e per il rafforzamento delle regole e della supervisione così da rafforzare la capacità di assorbimento dei locali sistemi finanziari.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti: banche e mercati in crisi, cosa è differente questa volta

Crisi, lo spread tifa per un governo

I 5 fondi che hanno ucciso la crisi

Fondi di investimento, NN IP: nuovo comparto green a short duration

Asset allocation, una nuova scommessa sugli emergenti

Reclutamento, i magnifici 7 di Bnl-Bnp Paribas LB

Mediobanca, Nagel attacca: “Il momento è molto triste”

Investimenti: la microfinanza come asset class alternativa

Mercati, gli effetti delle trimestrali

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti: come essere pronti a gestire una crisi

Un poker di abusivi e una vecchia conoscenza…

Consulenti, 8 consigli per non impazzire in ufficio

Dossier fiscale Bitcoin – Le transazioni e il regime ai fini delle imposte dirette

La crisi 2008-2014 ha schiantato l’Italia, il reddito d’inclusione non basterà da solo

P2P lending, l’ultima minaccia dei prestiti multipli

Altro che luce in fondo al tunnel: i fallimenti aumentano

Slovenia: delude l’asta dei titoli di Stato, cresce l’allarme sulle banche

La Spagna pronta a chiedere aiuti. E lo spread risale

Santader Uk mette le mani avanti

Moody’s pessimista: tagliate le stime sul Pil dell’Italia

A Singapore è più bello fare il banchiere

Moody’s e Fitch promuovono l’Italia con riserva

Crisi Europa: Moody’s ci vede chiaro(scuro)

Swiss and Global riduce l’esposizione azionaria

G20, accordo ancora lontano

Draghi: ridurre dipendenza da agenzie di rating

Fed più vicina al quantitative easing

Patto di stabilità Ue, Mussari (Abi): non siamo soddisfatti

La Fed pronta a comprare bond ma su scala ridotta. E il dollaro sale

Nuova riforma vigilanza si parte dal 2011

Ue, Consiglio straordinario ministri esteri

Bini Smaghi, “non è il momento di tassare le banche”

NEWSLETTER
Iscriviti
X