Basilea3, Abi: “incentivo perverso a fare finanza”

A
A
A
di Redazione 11 Ottobre 2010 | 13:30
Il dg dell’associazione Giovanni Sabatini: le nuove regole penalizzano chi fa attività commerciale e spingono gli istituti a fare trading.

Ironia della sorte: Basilea III, nata per rafforzare ulteriormente i patrimoni delle banche e ridurre il rischio di credito, potrebbe spingere gli istituti ad aumentare le attività di trading a scapito di quelle commerciali. A lanciare l’allarme, a pochi giorni dalle nuove accuse lanciate da Giulio Tremonti contro i “bankers tornati a piede libero a speculare”, è il direttore generali dell’Abi Giovanni Sabatini ai margini dell’incontro del Fmi a Washington.

La nuova normativa in discussione, «che incide negativamente sulla capacità reddituale delle banche commerciali – ha messo in guardia Sabatini – rischia di rappresentare un incentivo perverso a fare finanza». Per le banche commerciali in particolare si tratta infatti di «un set di regole molto penalizzanti». «In parte l’affermazione di Tremonti è vera» afferma dunque, paventando anche il rischio che per recuperare redditività le banche optino per attività di investimento a scapito di quelle più tradizionali.

«Al momento per le banche italiane questo non accade, ma in teoria è una strada attraverso cui recuperare redditività. Ma siccome questo nessuno lo vuole – afferma il dg dell’Abi – chiediamo attenzione a che le nuove regole non penalizzino troppo le banche commerciali». E tale proposito sottolinea anche che «la tassa sulle banche per gli istituti italiani sarebbe inaccettabile».

Al momento le banche d’investimento «stanno uscendo meglio dalla crisi»: Sabatini ha ricordato infatti che il Roe delle banche italiane e spagnole (che tradizionalmente in Europa svolgono il ruolo di banca commerciale, con oltre il 60% dell’attività rappresentata dai crediti all’economia, e la componente dell’attività finanziaria molto ridotta) «negli ultimi tre anni è in calo, mentre le altre che hanno un profilo di rischio più elevato hanno maggiore redditività». E proprio da questa considerazione scaturiscono anche i timori per gli effetti di Basilea3. Nessun allarme bonus, invece: secondo Sabatini il fenomeno dei maxi stipendi dei banchieri «credo che per le banche italiane non sia mai stato un problema».

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Credem, invito a palazzo

Abi, elogi a Patuelli

Banche, i vizietti della pandemia

NEWSLETTER
Iscriviti
X