Bpm, Ponzellini tranquillizza tutti i numeri no

A
A
A
di Redazione 20 Ottobre 2010 | 14:55
L’istituto è ancora nella bufera per le questioni dei maxi-bonus e intanto…

Tempi duri per Banca Popolare di Milano. Dopo aver annunciato a fine agosto una semestrale in calo del 43% rispetto al 2009, con un utile netto a 70,2 milioni di euro, un calo dei proventi operativi, a 779,7 mln, un rialzo degli oneri operativi, a 574 mln da 567 mln e un risultato della gestione operativa più che dimezzato, a 205,4 mln (-52,5%).

 

Per Bpm scatta ora la grana bonus e promozioni (segrete). Come anticipato dal settimanale SOLDI il 7 ottobre scorso, Massimo Ponzellini ha recentemente voluto un’infornata di promozioni, cui si somma una pioggia di “benefit” tra cui numerose autovetture di lusso riservate ai dirigenti (articolo La strana privacy di Bpm fra promozioni e controlli). Una bagarre che oggi ha trovato ampio spazio anche sulle colonne del Corriere della Sera e che certo non farà bene ad un titolo che in Borsa, da inizio anno, perde circa il 30%.

 

Il presidente Ponzellini, a margine del comitato esecutivo Abi, ha cercato oggi di minimizzare il tutto è ha deinito la vicenda dei maxi bonus “dettagli marginali”. “La cosa importante è che la banca va bene ed è ben gestita”. Ora si attende la conferma dei numeri.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banca Bpm, Castagna si muove per il Terzo Polo

Risiko Banche, occhi puntati su Unicredit

Banche, quanto sono costati quei diamanti galeotti

NEWSLETTER
Iscriviti
X