Unicredit, l’ipotesi di un’uscita dei libici non piace al mercato

A
A
A
di Camilla Gaiaschi 22 Ottobre 2010 | 10:50
Il titolo scende dell’1,19% sulla scia di una possibile uscita della Libian Invest Authority da Piazza Cordusio.

I libici non piacciono alla Lega ma al mercato una loro uscita piace ancora meno. E così, nel giorno delle indiscrezioni su di una possibile limatura al ribasso della quota in mano alla Lybian Invest Authority, il titolo di Unicredit scende dell’1,19% a 1,9 euro.

Secondo quanto riporta Il Sole 24 ore di questa mattina, a Tripoli si starebbe infatti esaminando ufficialmente il dossier Unicredit. Le richieste di informazioni provenienti da Piazza Cordusio, che incalzata da Bankitalia punta a capire se esiste una connessione tra il 2,59% in mano alla Lia e il 4,9% in manco alla Banca Centrale Libica, avrebbero creato qualche malumore all’interno del board della Lia, sollevando l’interrogativo se proseguire nel mantenimento dell’investimento avviato meno di tre mesi fa. Il rischio, infatti, è che la propria quota sia sommata a quella della Banca Centrale con conseguente limite dei diritti di voto al 5%. Di qui l’ipotesi di cessione della quota, pari al 2,59%, circa 500 milioni di azioni.

Una notizia che non piace al mercato, e che si aggiunge alle incertezze sulla governance. E’ di ieri, infatti, il rinvio del cda straordinario, che si sarebbe dovuto tenere oggi, per l’ufficializzazione dei due direttori generali – Roberto Nicastro e Sergio Ermotti –che lascia pensare alle difficoltà del neo ad Federico Ghizzoni a trovare una soluzione. Secondo quanto riportato da Il Messaggero tra Ghizzoni e le Fondazioni non ci sarebbe ancora una piena sintonia su quale sia la soluzione migliore. 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X