G20, accordo ancora lontano

A
A
A
Avatar di Redazione 10 Novembre 2010 | 10:30
A poche ore dall’inizio del vertice ogni paese è rimasto sulla sua posizione originale. Continuano i colloqui mentre Cameron Diaz, a Pechino, dichiara…

Alla vigilia del vertice del G20 di Seoul sono sempre più serrate le trattative per arrivare ad un accordo sul tema valute. Oggi, il primo ministro britannico David Cameron si è impegnato a combattere il protezionismo, ma ha chiesto alla Cina di garantire una maggiore flessibilità del cambio dello yuan.

In un incontro con il presidente cinese Hu Jintao, Cameron ha dichiarato che la Gran Bretagna “continuerà a dire all’Europa di essere aperta al commercio con la Cina e a non mettere barriere commerciali e abbiamo bisogno del vostro aiuto per rendere più forte la nostra argomentazione”. Ma il premier britannico, nel corso della sua giornata a Pechino ha anche sottolineato l’importanza di un più alto tasso di cambio della valuta cinese.

“Non può essere fatto in un giorno – ha affermato – ma è una cosa che deve accadere”.

Purtroppo, secondo quanto dichiarato dal portavoce del comitato di Presidenza del G20 coreano, Kim Yoon-Kyung, al momento “ogni paese è rimasto sulla sua posizione originale”. Nella bozza del comunicato finale su cui si dovranno confrontare i leader nella due giorni di Seoul “tutto è lasciato tra parentesi”, perché “nessuno è riuscito a trovare un accordo”. Per questo i colloqui proseguiranno anche oggi. Il portavoce del Comitato di Presidenza ha semplicemente ricordato che nel testo si dovrebbe fare riferimento al no alle «svalutazioni competitive», al nodo valutario e agli squilibri delle partire correnti.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Crisi, lo spread tifa per un governo

I 5 fondi che hanno ucciso la crisi

Fondi di investimento, NN IP: nuovo comparto green a short duration

Asset allocation, una nuova scommessa sugli emergenti

Reclutamento, i magnifici 7 di Bnl-Bnp Paribas LB

Mediobanca, Nagel attacca: “Il momento è molto triste”

Investimenti: la microfinanza come asset class alternativa

Mercati, gli effetti delle trimestrali

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti: come essere pronti a gestire una crisi

Un poker di abusivi e una vecchia conoscenza…

Consulenti, 8 consigli per non impazzire in ufficio

Dossier fiscale Bitcoin – Le transazioni e il regime ai fini delle imposte dirette

La crisi 2008-2014 ha schiantato l’Italia, il reddito d’inclusione non basterà da solo

P2P lending, l’ultima minaccia dei prestiti multipli

Altro che luce in fondo al tunnel: i fallimenti aumentano

Slovenia: delude l’asta dei titoli di Stato, cresce l’allarme sulle banche

La Spagna pronta a chiedere aiuti. E lo spread risale

Santader Uk mette le mani avanti

Moody’s pessimista: tagliate le stime sul Pil dell’Italia

A Singapore è più bello fare il banchiere

Moody’s e Fitch promuovono l’Italia con riserva

Crisi Europa: Moody’s ci vede chiaro(scuro)

Swiss and Global riduce l’esposizione azionaria

Draghi: ridurre dipendenza da agenzie di rating

Fed più vicina al quantitative easing

La ripresa? Ricetta in 5 punti

Patto di stabilità Ue, Mussari (Abi): non siamo soddisfatti

La Fed pronta a comprare bond ma su scala ridotta. E il dollaro sale

Nuova riforma vigilanza si parte dal 2011

Ue, Consiglio straordinario ministri esteri

Bini Smaghi, “non è il momento di tassare le banche”

Merkel, priorità tassa sui mercati finanziari

Ti può anche interessare

Generali, il bond si tinge di verde

Il Leone di Trieste ha lanciato il suo primo green bond, un bond Tier 2 con struttura bullet: un ...

Consulenti, così si diventa fedeli alla mandante

Consulenti, tutte le clausole contrattuali con cui le società mandanti possono legare a sé i consu ...

Banche, basta fare i piangina

Botta e risposta interno al mondo delle banche. Protagonisti sono Fabi e Abi, acronimi di due sigle ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X