Unicredit, pace tra le Fondazioni e Rampl

A
A
A
Avatar di Redazione 17 Novembre 2010 | 07:30
Dopo l’incontro di ieri che sembra aver portato un po’ di sereno, dopo la tempesta, si prosegue il lavoro per la presentazione del nuovo piano industriale per il quale Ghizzoni…

 E’ pace fatta tra Dieter Rampl e le Fondazioni. L’incontro di ieri a Piazza Cordusio sembra aver rassenerato gli animi dopo la bufera scatenata a seguito della sfiducia ad Alessandro Profumo, l’elezione di Ghizzoni, la rinuncia di Ermotti e i risultati non incoraggianti.

Così come raccontano i giornali in edicola questa mattina a testimoniare il fatto che il clima si è rasserenato sono arrivate puntuali le dichiarazioni di alcuni esponenti di spicco delle Fondazioni, che ieri, al termine del vertice tra il presidente di Unicredit e quelli degli enti azionisti di Piazza Cordusio, hanno ribadito la fiducia nel banchiere austriaco.

Nel corso dell’incontro di ieri ci sarebbe stata anche una maggiore convergenza tra il presidente e i rappresentanti dei soci sul profilo del successore di Sergio Ermotti, la cui nomina potrebbe essere designata per dicembre. Anche se non è ancora chiaro quando potrebbe succedere. Quello che è invece chiaro è il fatto che in occasione del consiglio di amministrazione del 14 dicembre sarà presentato al board il piano industriale che Ghizzoni sta elaborando assieme ai suoi collaboratori. 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Unicredit, tensioni tra Profumo e i soci

Intesa, UniCredit, Unipol. La parola ai leader

UBS, bloccate le frontiere per i consulenti

NEWSLETTER
Iscriviti
X