La vita è breve, bando alla mediocrità

A
A
A

La vita è strana, oltre ad essere fin troppo corta. Per Krls Network of Business Ethics il livello di evasione delle imposte in Italia è eccezionale, raggiungendo il 54,5% del reddito imponibile ma …

di Redazione14 dicembre 2010 | 10:00

La vita è strana, oltre ad essere fin troppo corta. Per Krls Network of Business Ethics il livello di evasione delle imposte in Italia è eccezionale, raggiungendo il 54,5% del reddito imponibile (se tutti pagassero le tasse nel2010 il fisco si recupererebbe di colpo 159 miliardi di euro rispetto alla situazione attuale) ma in Italia nessuno sembra preoccuparsene. Il governo non governa, ma nessuno paventa eccessivamente la crisi politica, istituzionale, economica e morale che il paese attraversa, a cominciare da Piazza Affari. I giornali e i telegiornali non informano, leggono veline o proclami a seconda della convenienza, ma i loro spettatori ormai neppure ci fanno caso. Coloro che dovrebbero tutelare il risparmio pubblico raramente lo tutelano, ma i risparmiatori non riescono a trovare alcuna soluzione alternativa, sempre che la cerchino.

 

La vita è pur tuttavia breve, oltre che fin troppo strana. Così forse sarebbe il caso di non perdere tempo in mediocrità di ogni genere e agire, i mediocri rubano vita (soldi, attenzioni, sentimenti) ai migliori da sempre e in questo l’Italia non fa eccezione, anzi. Mediocri politici rubano il futuro del paese, mediocri manager e banchieri rubano utili ai loro azionisti, mediocri professionisti rubano tempo e risorse a imprese e imprenditori, mediocri venditori rubano qualità e prezzi alla loro clientela, mediocri cittadini rubano spazio e risorse, fisiche economiche e morali a tutti gli altri cittadini. 

 

Il conto ciascuno lo paga alla fine: alla fine di un rapporto di lavoro, alla fine di un rapporto personale, alla fine della propria vita. E come nella parabola evangelica chi non ha saputo coltivare i propri talenti, chi ha assistito senza reagire allo sciupio altrui, chi si è reso complice di piccoli e grandi mediocrità, truffe, evasioni fiscali, furti e furtarelli, paga alla fine il conto più alto. Perché ha sprecato la sua vita e i suoi talenti, quando avrebbe potuto impegnarsi per usarli al meglio e costruire qualcosa per sé e per gli altri, siano gli “altri” amici, parenti, clienti o semplicemente il prossimo indistinto.

 

Anziché piangersi addosso, antico vizio italico, sarebbe dunque meglio darsi da fare, impegnarsi ciascuno per cercare di migliorare le cose iniziando col non tollerare la mediocrità altrui. Basta con mediocri manager, mediocri mandanti, mediocri legislatori. La cui mediocrità mette a rischio la professione (non solo ma anche) dei promotori e consulenti finanziari italiani. Ma anche basta coi mediocri promotori e consulenti che si lamentano davanti al cliente di non poter fare nulla e davanti a manager e mandanti di trovarsi a dover affrontare le rimostranze della clientela.

 

Essere vasi di coccio tra vasi di ferro non è una sorte inevitabile, è una scelta di vita che ciascuno può mantenere o cambiare ogni giorno, con coerenza. Forse sarebbe il caso di iniziare a capirlo, forse l’anno prossimo non saremmo più un esempio negativo per Krls Network of Business Ethics, forse sarebbe il caso di organizzarsi per dare forza alla protesta, per pretendere e ottenere riforme di cui da anni si parla ma che restano indefinite, per vedere riorganizzazioni da tempo promesso ma che gli interessi incrociati di troppe lobbies continuano a rinviare, per entrare nel XXI secolo infine. Perché la vita è dannatamente corta e rischiamo che a cercare la soluzione ai nostri problemi debbano essere i nostri figli e nipoti prima di quanto si possa immaginare. Se vorrete fornirci i vostri pareri saremo come sempre lieti di ospitarli sulle pagine di Bluerating.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banca Generali e Candy Crush per le ricette di innovazione

Fideuram: 50 anni da numero 1

Ecco come lo spread strozza le banche (e i risparmi)

Generali lungo il canale

Banche italiane a caccia di soldi

Governo a muso duro con le banche

Ubi Banca cambia volto

Il “buy” del consulente – 01/10/18, da Alkemy a Cnh Industrial

Doris: la consulenza va pagata

Le banche possono affondare il populismo

C’è Tavano per il banking italiano di Hsbc

Banche, il wealth management le fa ricche

Fineco, sempre calda la raccolta estiva

Banche italiane, Fitch storce il naso

Fineco alla prova dei risparmiatori

Unicredit e Adiconsum sulla strada dell’educazione finanziaria

Poste si unisce al ponte della solidarietà

Le banche popolari fanno ricche le imprese

Presunte strane proposte commerciali, ex Fideuram viene sospeso

Deutsche Bank, tira aria di fusione

La robo advisory che punta alle news

Banche, prestiti col vento in poppa

Citi concilia con la Sec

Unicredit e la fame immobiliare

Generali cambia vestito al gestito

Etruria, Consob annullata

L’inutilità delle fusioni bancarie

Intesa Sanpaolo, il portafoglio nello smartphone

Come ti fidelizzo il private banker

Il trionfo social di Unicredit

Vigilanza, la linea morbida della Bce

IWBank PI, la consulenza tiene duro

Credit Agrigole, un portafoglio Npl destinazione Phoenix

Ti può anche interessare

Intesa Sanpaolo, il wealth management sostiene gli utili

Profitti di 2,5 miliardi di euro circa nei primi 9 mesi del 2017. Più di un miliardo derivano dal p ...

Doris vale un miliardo

Il patrimonio netto della sua accomandita arriva a 980 milioni. Fin.Prog. Italia ha speso 12 mln per ...

Ecco i consulenti in gara di Fineco

Nome per nome, tutti i cf della rete del gruppo Unicredit che saranno in competizione per i Bluerati ...