La vita è breve, bando alla mediocrità

A
A
A

La vita è strana, oltre ad essere fin troppo corta. Per Krls Network of Business Ethics il livello di evasione delle imposte in Italia è eccezionale, raggiungendo il 54,5% del reddito imponibile ma …

di Redazione14 dicembre 2010 | 10:00

La vita è strana, oltre ad essere fin troppo corta. Per Krls Network of Business Ethics il livello di evasione delle imposte in Italia è eccezionale, raggiungendo il 54,5% del reddito imponibile (se tutti pagassero le tasse nel2010 il fisco si recupererebbe di colpo 159 miliardi di euro rispetto alla situazione attuale) ma in Italia nessuno sembra preoccuparsene. Il governo non governa, ma nessuno paventa eccessivamente la crisi politica, istituzionale, economica e morale che il paese attraversa, a cominciare da Piazza Affari. I giornali e i telegiornali non informano, leggono veline o proclami a seconda della convenienza, ma i loro spettatori ormai neppure ci fanno caso. Coloro che dovrebbero tutelare il risparmio pubblico raramente lo tutelano, ma i risparmiatori non riescono a trovare alcuna soluzione alternativa, sempre che la cerchino.

 

La vita è pur tuttavia breve, oltre che fin troppo strana. Così forse sarebbe il caso di non perdere tempo in mediocrità di ogni genere e agire, i mediocri rubano vita (soldi, attenzioni, sentimenti) ai migliori da sempre e in questo l’Italia non fa eccezione, anzi. Mediocri politici rubano il futuro del paese, mediocri manager e banchieri rubano utili ai loro azionisti, mediocri professionisti rubano tempo e risorse a imprese e imprenditori, mediocri venditori rubano qualità e prezzi alla loro clientela, mediocri cittadini rubano spazio e risorse, fisiche economiche e morali a tutti gli altri cittadini. 

 

Il conto ciascuno lo paga alla fine: alla fine di un rapporto di lavoro, alla fine di un rapporto personale, alla fine della propria vita. E come nella parabola evangelica chi non ha saputo coltivare i propri talenti, chi ha assistito senza reagire allo sciupio altrui, chi si è reso complice di piccoli e grandi mediocrità, truffe, evasioni fiscali, furti e furtarelli, paga alla fine il conto più alto. Perché ha sprecato la sua vita e i suoi talenti, quando avrebbe potuto impegnarsi per usarli al meglio e costruire qualcosa per sé e per gli altri, siano gli “altri” amici, parenti, clienti o semplicemente il prossimo indistinto.

 

Anziché piangersi addosso, antico vizio italico, sarebbe dunque meglio darsi da fare, impegnarsi ciascuno per cercare di migliorare le cose iniziando col non tollerare la mediocrità altrui. Basta con mediocri manager, mediocri mandanti, mediocri legislatori. La cui mediocrità mette a rischio la professione (non solo ma anche) dei promotori e consulenti finanziari italiani. Ma anche basta coi mediocri promotori e consulenti che si lamentano davanti al cliente di non poter fare nulla e davanti a manager e mandanti di trovarsi a dover affrontare le rimostranze della clientela.

 

Essere vasi di coccio tra vasi di ferro non è una sorte inevitabile, è una scelta di vita che ciascuno può mantenere o cambiare ogni giorno, con coerenza. Forse sarebbe il caso di iniziare a capirlo, forse l’anno prossimo non saremmo più un esempio negativo per Krls Network of Business Ethics, forse sarebbe il caso di organizzarsi per dare forza alla protesta, per pretendere e ottenere riforme di cui da anni si parla ma che restano indefinite, per vedere riorganizzazioni da tempo promesso ma che gli interessi incrociati di troppe lobbies continuano a rinviare, per entrare nel XXI secolo infine. Perché la vita è dannatamente corta e rischiamo che a cercare la soluzione ai nostri problemi debbano essere i nostri figli e nipoti prima di quanto si possa immaginare. Se vorrete fornirci i vostri pareri saremo come sempre lieti di ospitarli sulle pagine di Bluerating.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Foti (Fineco): tre pilastri per vincere la battaglia sui margini

Fideuram Ispb: raccolta sì, utile nì

Mps, Morelli apre ad una alleanza

Banque Syz, Eric passa il testimone di ceo

Certifica, Bnp Paribas: mini future per tutti i gusti

Fineco, top entry in riva al lago

Cara rete, pensavi solo ai soldi?

Deutsche Bank FA, trittico d’autore

Oggi su BLUERATING NEWS: Masse boom per Banca Generali, la consulenza conquista l’impresa

Allianz Bank, gestito e vita per un 2018 da ricordare

Banca Generali, masse record e l’utile batte le stime

Mediolanum, la consulenza non s’inventa

Unicredit chiude in bellezza il 2018

Deutsche Bank PB, ingresso d’esperienza nel private bresciano

Intesa e Unicredit alla prova dei numeri 2018

Mediolanum, il tech dal volto umano

Oggi su BLUERATING NEWS: la private bank svizzera di Intesa, l’utile di Deutsche Bank

Poste Italiane, l’app Bancoposta controlla le tue spese

IWBank PI, scene da una convention

Intesa SP, nasce la private bank svizzera

Bnl Bnp Paribas LB: Rebecchi schiera l’11 post convention

La favola dell’Uomo Ragno bancario

Banca Mediolanum: il risk management diventa futuristico

Oggi su BLUERATING NEWS: i campioni 2018 di Assoreti, la fusione Unicredit-SocGen

Ubi Banca: ecco il calendario degli eventi societari

Consultinvest e Pir, avviso ai naviganti

Bnl Bnp Paribas LB: il consulente diventa patrimoniale

Consulenti: i nuovi orizzonti del business

Hypo Alpe-Adria Bank, la filiale italiana è in vendita

Banca Generali: la ricetta di Mossa per un ponte imprese-investitori

Italia, la grande gelata dei bond bancari

Allianz Bank FA: missione crescita

Le incorruttibili Poste Italiane

Ti può anche interessare

Un italiano su tre sceglie il digital banking

Negli ultimi tre anni, secondo il CheBanca! Digital Banking Index, sono 19,2 milioni (il 62,4% degli ...

CheBanca!, crescono rete, masse e risultati

Per la prima volta la banca ha presentato i risultati annuali - che vedono ricavi e risultato operat ...

Bocconi, Generali sale in cattedra

Generali diventa partner strategico dell’Università Commerciale Luigi Bocconi grazie a un accordo ...