Derivati, Bnl respinge accusa Regione Lazio su costi occulti

A
A
A

Bnl respinge le accuse della Regione Lazio di aver applicato “costi occulti” nei contratti derivati a lei venduti ed esprime fiducia sull’esito di una eventuale causa promossa dall’ente.

di Redazione30 dicembre 2010 | 14:00

Lunedì la Regione guidata dal presidente Renata Polverini del Pdl ha annunciato di aver citato in giudizio undici banche italiane e straniere per ottenere un risarcimento di 82,86 milioni di euro per costi che ritiene le siano stati addebitati illecitamente si operazioni in derivati.

Il risarcimento richiesto alla Bnl è di 1,3 milioni.

La banca del gruppo francese Bnp Paribas precisa in una nota diffusa oggi che “nell’unica operazione di swap alla quale ha partecipato nel 2003 […] ha operato nel pieno rispetto della legge, […] senza applicazione di alcun costo occulto”.

Bnl sostiene, inoltre, che per effetto dell’operazione, finalizzata alla copertura del debito della Regione, l’ente ha ridotto notevolmente il costo del debito stesso.

“La Banca, pertanto, confida pienamente nell’esito per lei positivo dell’eventuale causa promossa dalla Regione”, conclude la nota.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fineco, sempre calda la raccolta estiva

Banche italiane, Fitch storce il naso

Fineco alla prova dei risparmiatori

Unicredit e Adiconsum sulla strada dell’educazione finanziaria

Poste si unisce al ponte della solidarietà

Le banche popolari fanno ricche le imprese

Presunte strane proposte commerciali, ex Fideuram viene sospeso

Deutsche Bank, tira aria di fusione

La robo advisory che punta alle news

Banche, prestiti col vento in poppa

Citi concilia con la Sec

Unicredit e la fame immobiliare

Generali cambia vestito al gestito

Etruria, Consob annullata

L’inutilità delle fusioni bancarie

Intesa Sanpaolo, il portafoglio nello smartphone

Come ti fidelizzo il private banker

Il trionfo social di Unicredit

Vigilanza, la linea morbida della Bce

IWBank PI, la consulenza tiene duro

Credit Agrigole, un portafoglio Npl destinazione Phoenix

Banche vs clienti, vizi e virtù dell’ABF

Mps torna sul mercato

Asset allocation, bye bye bull market

Mediobanca-Azimut, botta e risposta tra le righe

Banca Euromobiliare, sferzata private

Acquisizioni, Mediobanca ha il colpo in canna

Unicredit, l’utile in calo ma sopra le attese

Banche, sui conti dormienti interviene il Mef

Banca Mediolanum, raccolta quasi dimezzata

Deutsche Bank FA, scatta l’operazione crescita

Diamanti: Mps, il rimborso ritarda…ma arriva

Banco Bpm, il bilancio sorride

Ti può anche interessare

Ponte Morandi, anche Intesa Sanpaolo si muove

La banca ha deciso di procedere con la remissione unilaterale dei mutui prima casa a favore di tutti ...

Bollette smart, accordo tra Hera e UniCredit

Grazie all'accordo, primo nel suo genere in Italia, ogni cliente della multiutility avrà a disposiz ...

Nava (Consob): “Più azioni e meno titoli di debito nei portafogli”

Un passaggio che il presidente dell’Authority (nel corso del Consob Day a Palazzo Mezzanotte), ha ...