Roger Yates, una nomina a sorpresa

A
A
A

Un manager britannico in casa UniCredit

di Redazione28 gennaio 2011 | 12:30

di Luca Spoldi

Dovendo scegliere il successore di Dario Frigerio per il ruolo di numero uno di Pioneer Investments, in UniCredit non hanno avuto dubbi: meglio puntare su un manager di provata esperienza, con forti relazioni internazionali, in grado di gestire svolte strategiche che potessero andare dallo scorporo e conseguente quotazione in borsa alla fusione in un gruppo di maggiori dimensioni. Quando la scelta è caduta su Roger Yates 52enne manager britannico con 28 anni di esperienza nell’industria del risparmio gestito, in pochi si sono stupiti.
Yates infatti sembra avere tutte le qualità per traghettare Pioneer dal suo passato prossimo al futuro, visto che dopo essere stato il responsabile degli investimenti a Morgan Grenfell, LGT e Invesco Global, nel 1999 ha gestito la fusione tra Henderson Investors e AMP Asset Management Australia da cui è nata Henderson Global Investors, società scorporata nel 2003 dalla controllante AMP (sempre sotto la regia del manager britannico) e di cui Yates è rimasto amministratore delegato sino al 2008, quando venne sostituito da Andrew Formica, sino a quel momento capo dei fondi azionari di Henderson.
Nel quinquennio 2003-2008 Yates ha saputo sviluppare nuove linee di business che hanno portato la società britannica a più che duplicare l’utile operativo, tanto che in molti si erano chiesti, un anno fa, se il suo arrivo non volesse dire per Pioneer Investments un nuovo rilancio.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Un appello a Di Maio per parlare anche di consulenza

Finanziamenti, nel 2018 piccolo è meglio

Banche, quanti tagli alle filiali

Caso Galloro, la risposta di Südtirol Bank

Intesa Sanpaolo è la miglior banca italiana

Banche, in Europa fusioni all’orizzonte

Consulente sospeso, riabilitato, risospeso e poi radiato

Consulenza, tra banche e reti non c’è storia

Massimo Doris vale 100 milioni

Bancari e consulenti, quando un robot li sostituirà

Südtirol Bank pesca l’asso da Fideuram

Fineco, quanto è buono il gestito nella raccolta

Diamanti, si ritiri chi può

Divergenze sulla governance, si dimette il presidente di Banca Carige

Ennio e Massimo Doris: “Benvenuti nella nostra Casa”

Bnl-Bnp Paribas LB gonfia la rete

Addio all’Albo per un ex Fineco

Le sinergie accademiche di B. Mediolanum

Salviamo i risparmi in Lire, un appello al M5S

Nuova Banca Etruria vince in appello contro Consob

F&F al passo d’addio, DB Advisory Clients pensa a un tour

Consulenza a distanza, l’avanguardia firmata Südtirol Bank

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti, meglio il portafoglio del curriculum

Che bello lavorare in Credem

Ingresso di peso per il private di IWBank

Consulenti, cresce la concorrenza di banche e Poste

Tutela del risparmio e banche, le mosse di Lega e M5S

Banche, quei dieci trend che le cambieranno

Polizze, le crepe nel mito dell’impignorabilità

Consulenza un tanto al chilo

Banche e finanza, stipendi d’oro per i top manager

Bnl, the brand must go on

Ti può anche interessare

Anasf al salone per parlare di Mifid 2

Sono due gli appuntamenti dell'Associazione alla nuova edizione del Salone del Risparmio, che si svo ...

Personal branding: in università con Mediolanum

In un contesto sempre più complesso e competitivo vanno aggiornate in primo luogo le conoscenze dei ...

Albo e attività dei consulenti finanziari, se ne parla con Ascosim

Un confronto sul documento pubblicato da Consob che riporta gli esiti della consultazione sul Regola ...