Art Advisory – Si fatica a recuperare

A
A
A
Biagio Campo di Biagio Campo 16 Febbraio 2011 | 09:00
Le ultime aste hanno offerto segnali poco positivi. La finanziarizzazione del mercato dell’arte rimane elevata ed i luoghi virtuali assumono un’importanza crescente.

“Il 2011 per il mercato dell’arte non è iniziato nel migliore dei modi e le tenui speranze degli operatori di fare buoni risultati non si sono trasformate in certezze”, queste le parole di Pietro Elia, Art Advisor, che abbiamo incontrato per fare il punto sul settore. “Le ultime importanti aste ci consegnano risultati deludenti, sia per quanto riguarda le quotazioni che per la qualità delle opere rimaste invendute, basti osservare che i tre lavori di Giacometti proposti (da Sothebys per l’asta dell’8 febbraio e sempre a Londra da Christie all’asta del 9 febraio 2011) non hanno trovato un acquirente, inoltre la maggior parte delle opere vendute non è riuscita a realizzare un prezzo che superi il valore medio di stima. Il mercato non può far fede solo su casi isolati ed estemporanei dei soliti magnati russi, il sistema ha problemi che non riesce a superare”.

Le speculazioni del 2004-2007 rimangono un ricordo. “Di quel periodo possiamo incorniciare una foto fatta di quotazioni elevate e di eccellenti capolavori passati di mano”, una situazione che sarà difficile rivivere nei prossimi anni.

I numeri non possono muoversi solo in verticale ma anche in orizzontale. “La finanziarizzazione del mercato dell’arte” ovvero l’incremento forzoso del valore del prodotto artistico attraverso l’uso di leve economiche, che non hanno più come riferimento guida il valore tradizionale e intrinseco dell’opera, “non può prescindere dalle altre componenti del sistema dell’arte e dai soggetti che di questo fanno parte”.

Ci sarà sempre un livello top “dove si potrà interpretare il mercato in maniera estrema, ma per l’investitore ci saranno sempre maggiori difficoltà per accedere e beneficiare completamente delle possibilità di risultato”.

Contestualmente stiamo osservando una mutazione anche dei luoghi dell’arte, “che stanno traslocando sempre più dalla loro realtà fisica a quella virtuale”. Una della ultime iniziative è la nascita di VIP ART FAIR, una delle prime fiera d’arte completamente virtuale.

“Il rapporto con l’opera d’arte si fa sempre più rarefatto e nel processo d’opzione d’investimento ci sarà sempre più bisogno di figure guida. Non basta infatti leggere i listini di borsa per capire se un titolo ha un reale valore e se le nostre attese di beneficio saranno premiate”.
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Art Advisory – Aste Milanesi di Christie’s

Art Advisory – 28 milioni per Christie’s in Italia

Art Advisory – 14,7 milioni per Christie’s in Italia

Art Advisory – Aste primaverili di Farsettiarte

Art Advisory – Asta di Claudia Gian Ferrari

Fondi comuni – Rialzo del 13% per il vino d’annata nel 2010

Art Advisory – Christie’s in Italia supera del 21% i risultati del 2009

Art Advisory – Asta di arte calligrafica a Doha

Fondi comuni – Investire negli orologi

Art Advisory – Autori italiani a caccia di record

Art Advisory – Uno sguardo oltre la crisi

Art Advisory – In asta i gioielli di Wallis Simpson

Fondi Comuni – Vini più forti dei timori di recessione

Art Advisory – A Parigi in asta un Tirannosaurus Rex

Art Advisory – Appunti per investire in arte oggi

Art Advisory – La riservatezza di Intesa Sanpaolo Private Banking

Art Advisory – L’educazione finanziaria vista dai giovani artisti di Brera

Fondi comuni – Continuano i rialzi per il vino

Art Advisory – La consulenza indipendente

Art Advisory – Chi sono i clienti?

Noble Crus – Il primo fondo sul vino

Art Advisory – L’assunto dell’autenticità

Art Advisory – L’offerta di Deutsche Bank

Art Advisory – L’uscita dalla crisi

Art Advisory – 10 milioni per Christie’s a Milano

Art Advisory – In asta a Londra due secoli di Russia

Art Advisory – La crescita di Dubai

Deutsche Bank apre al pubblico la collezione d’arte

Asset allocation, il 5% in opere d'arte

Art Advisory – L'approccio di BSI

NEWSLETTER
Iscriviti
X