Promotori – FinecoBank rafforza il trading online, e i promotori?

A
A
A
di Redazione 19 Maggio 2011 | 13:30
Diverse novità per la rete di Unicredit, ma si parla poco dei professionisti

Di Luca Spoldi

Se maggio è il mese delle rose e delle spose, lo è anche dell’ITFItalian Trading Forum (la data è quella del 19 e 20 maggio presso il Palacongressi di Rimini), la consueta rassegna organizzata da Traderlink, Trading Library e Morningstar giunta quest’anno alla sua dodicesima edizione che vede anche Soldi-web.it e Bluerating.com tra i media partner dell’evento, oltre al nostro editore Blue Financial Communication tra i media support. Molte anche quest’anno le presenze qualificate tra cui quella di FinecoBank, la società guidata da Alessandro Foti, una delle prime banche dirette in Italia con 820 mila clienti e 35 miliardi di raccolta complessiva, oltre che primo broker online italiano con oltre 27 milioni di ordini di borsa eseguiti nel 2010.

A ITF 2011 il gruppo presenta una serie di importanti novità per quanto riguarda la piattaforma di trading online PowerDesk2, tra cui l’allargamento del servizio di marginazione “long” e “short” anche sui titoli di stato, il chart trading (ovvero la metodologia che prevede la possibilità di inviare gli ordini direttamente dalla schermata del grafico) e nuovi future che hanno come sottostante le più importanti commodities del mercato Cme (Chicago mercantile exchange). Tutto bello, tutto interessante, ma c’è qualcuno che preferisce porsi alcuni quesiti in merito. Secondo alcuni dei nostri lettori, per esempio, all’interno di questo appuntamento, infatti, non ci sarebbe “nulla che riguardi il reale business “core” dei promotori finanziari, definiti in quanto tale”. Infatti tutte le attività presentate nel corso dell’appuntamento sarebbero “finalizzate alla gestione e alla ricerca dei clienti senza l’ausilio degli stessi promotori”. Insomma, la sintesi espressa da qualcuno dei nostri lettori è molto chiara. Ovvero che “il modello sarà senza dubbio efficiente ma risulta incoerente con le esigenze dei promotori finanziari”. Ai promotori di FinecoBank, oltre ovviamente alla società medesima, la facoltà di rispondere ai dubbi avanzati dal nostro lettore.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X