Reti in città, tempi duri a Roma e nel Lazio per i promotori non più attivi

A
A
A
di Redazione 2 Novembre 2011 | 09:18
A contendersi i primi posti ci sono Mediolanum, Fideuram e Fineco

La promozione finanziaria perde quota nel Lazio, con l’uscita di scena dei professionisti marginali o non attivi: dagli ultimi dati riportati dall’Albo dei promotori finanziari italiani risulta la regione dove risiedono 5.722 promotori finanziari, un centinaio in meno di quando a inizio settembre facemmo un precedente sondaggio (all’epoca risultarono 5.816 i promotori laziali iscritti all’Albo). Di questi 1.951 (erano 2.011) risultano privi di un mandato, mentre i restanti 3.771 (rispetto ai 3.805 di un mese e mezzo fa) hanno un mandato, il che fa salire la percentuale dei promotori attivi rispetto al totale dal 66,5% al 65,9%.

Passando alla singole reti, in testa si conferma Mediolanum, che rispetto alla Lombardia, dove si nota un calo di alcune decine di promotori rispetto alle nostre precedenti elaborazioni, resta stabile a quota 516 promotori residenti in regione, di cui 395 a Roma e provincia. Alle spalle della rete di Ennio Doris restano Banca Fideuram (363 promotori, di cui 326 “romani”), unica altra rete in grado di piazzare oltre trecento persone in Roma e provincia (sono 326 i promotori della rete controllata dal gruppo Intesa Sanpaolo a risiedere nel capoluogo e dintorni) e Fineco Bank (328 uomini), che deve “accontentarsi” di 254 promotori romani.

Più staccate Sanpaolo (285 promotori), che scavalca Allianz (in calo a quota 274 mandati in regione), Finanza e Futuro (che sale a 223 uomini) e Montepaschi (202 professionisti laziali). Tra i 100 e i 200 promotori schierano anche Simgenia (che scivola a quota 154), UniCredit (138), Ubi Banca (113) e Banca Generali (107), mentre Banca Sara (gruppo Intesa Sanpaolo) scende a 76 uomini ed subito davanti ad Azimut (72 uomini, ma se si considerano anche i 15 di Az Investimenti e i 13 di Apogeo Consulting il gruppo di Pietro Giuliani arriva a sfiorare la top ten con cento promotori in tutto).

Nella capitale alle spalle del podio prima ricordato serrano i ranghi i 203 promotori romani di Allianz, che staccano di poco i 180 colleghi schierati nella capitale e in provincia da Finanza e Futuro (che appare maggiormente concentrata rispetto ai concorrenti che la precedono, dato che schiera nell’Urbe e nelle sue immediate vicinanze oltre l’80% dei suoi uomini residenti nel Lazio). Più staccati ma sempre oltre i 100 professionisti di Roma anche il Sanpaolo (147 tra Invest e Private Banking), il Monte dei Paschi (140), UniCredit (che pure dopo aver assorbito gli ex Capitalia non supera i 123 romani, peraltro pari a quasi il 90% delle forze schierate in tutta la regione) e Simgenia (114). Appena a ridosso da quota 100 si notano infine Ubi Banca (97 uomini) e Banca Generali (96 professionisti), con Azimut che sommando le sue tre reti arriva a 87 promotori nella provincia di Roma e Banca Sara più distante con “solo” 59 romani tra le sue fila.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Widiba, colpo da Fideuram per la rete

Fideuram, acquisizione lussemburghese per il private

IWBank, la tecnologia per dare il giusto cliente al giusto consulente

NEWSLETTER
Iscriviti
X