Dexia, le svalutazioni sui bond greci pesano sul terzo trimestre

A
A
A
di Redazione 9 Novembre 2011 | 11:45
Il gruppo bancario ha registrato nel trimestre perdite per 2,3 miliardi di euro legate alle svalutazioni

La svalutazione dei bond greci ha provocato al gruppo bancario Dexia perdite per 2,3 miliardi di euro nel terzo trimestre. L’annuncio segue di poche settimane il salvataggio del gruppo da parte dei governi di Francia, Belgio e Lussemburgo, già intervenuti in occasione della crisi finanziaria globale del 2008. La banca ha anche annunciato di aver perso 4,1 miliardi di euro negli interventi per salvare Dexia Banque Belgique, che in seguito è stata nazionalizzata. Complessivamente, nei primi nove mesi dell’anno, la situazione finanziaria del gruppo è peggiorata di 10,5 miliardi di euro, mentre l’esposizione ai titoli sovrani di Grecia, Irlanda, Italia, Portogallo e Spagna è scesa dai 23,2 miliardi di euro dello scorso 30 giugno a 13,6 miliardi alla fine di settembre. L’a.d. Pierre Mariani ha sottolineato come la banca stia compiendo un deleveraging “a un ritmo sostenuto”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Dexia, Francia e Belgio ci mettono altri soldi

Dexia: dalla Commissione Ue il via libera al salvataggio

Dexia, il pareggio dei conti è atteso nel 2018

NEWSLETTER
Iscriviti
X