Banca Profilo, Matteo Arpe si autosospende da presidente e amministratore

A
A
A
Avatar di Redazione 2 Dicembre 2011 | 08:45
La decisione, con effetto immediato, arriva a seguito della condanna nell’ambito del processo Ciappazzi

Matteo Arpe si è autosospeso dal consiglio di amministrazione di Banca Profilo. Il passo indietro del banchiere, che ha rimesso le funzioni di presidente e amministratore dell’istituto di credito con effetto immediato, arriva a seguito della condanna nell’ambito del processo Ciappazzi.

Il Tribunale di Parma ha infatti condannato il manager a 3 anni e 7 mesi di reclusione per bancarotta fraudolenta e stabilito che non potrà ricoprire incarichi dirigenziali o essere titolare di un’attività di impresa per 10 anni (cinque dai pubblici uffici).

L’assemblea si riunirà per deliberare sul reintegro il 5 e il 6 gennaio, in prima e seconda convocazione. Il consiglio di amministrazione e il collegio sindacale hanno espresso all’unanimità attestazione di piena stima e fiducia ad Arpe, e hanno rinnovato l’apprezzamento per le “indubbie qualità umane e professionali che ha sempre dimostrato nel suo operare”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, Profilo am cede gestione collettiva del risparmio ad Anthilia

NEWSLETTER
Iscriviti
X