Banca Profilo, Matteo Arpe si autosospende da presidente e amministratore

A
A
A
di Redazione 2 Dicembre 2011 | 08:45
La decisione, con effetto immediato, arriva a seguito della condanna nell’ambito del processo Ciappazzi

Matteo Arpe si è autosospeso dal consiglio di amministrazione di Banca Profilo. Il passo indietro del banchiere, che ha rimesso le funzioni di presidente e amministratore dell’istituto di credito con effetto immediato, arriva a seguito della condanna nell’ambito del processo Ciappazzi.

Il Tribunale di Parma ha infatti condannato il manager a 3 anni e 7 mesi di reclusione per bancarotta fraudolenta e stabilito che non potrà ricoprire incarichi dirigenziali o essere titolare di un’attività di impresa per 10 anni (cinque dai pubblici uffici).

L’assemblea si riunirà per deliberare sul reintegro il 5 e il 6 gennaio, in prima e seconda convocazione. Il consiglio di amministrazione e il collegio sindacale hanno espresso all’unanimità attestazione di piena stima e fiducia ad Arpe, e hanno rinnovato l’apprezzamento per le “indubbie qualità umane e professionali che ha sempre dimostrato nel suo operare”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, Profilo am cede gestione collettiva del risparmio ad Anthilia

NEWSLETTER
Iscriviti
X