Banche italiane nel mirino di Fitch, declassata UniCredit

A
A
A
di Redazione 21 Dicembre 2011 | 09:38
L’agenzia ha tagliato il rating di piazza Cordusio ad A- e ha posto sotto osservazione con implicazioni negative altri sette istituti italiani

Continua l’azione delle agenzie di rating sulle banche. Questa volta la minaccia è arrivata da Fitch, che ha tagliato il rating di UniCredit ad A- e ha posto sotto osservazione con implicazioni negative altre sette banche italiane – Mps, Popolare Sondrio, Banco Desio, Banco Popolare, Iccrea Holding, Intesa Sanpaolo e UBI Banca  – dopo l’analoga azione condotta sull’Italia il 16 dicembre scorso. Il rating watch negativo riflette la visione di Fitch di crescenti pressioni sugli utili delle banche, sul funding, sulla liquidità, sull’asset quality e sulla patrimonializzazione a causa del difficile scenario operativo, ha fatto sapere l’agenzia. Intanto oggi l’a.d. di piazza Cordusio, Federico Ghizzoni, ha dichiarato che UniCredit può diventare “una banca che guarda ad asset importanti in giro per l’Europa: noi abbiamo la Turchia (con Yapi Kredi, ndr) e la Polonia (con Bank Pekao, ndr) e ce le teniamo strette”. A piazza Affari il titolo si muove in terreno positivo nonostante il downgrade, in linea con il settore bancario del Vecchio Continente, sulla scia della prima asta del maxiprestito triennale a sostegno degli istituti di credito deciso dalla Bce.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banche, Mps: Anima possibile candidata alla ricapitalizzazione

Mps e Popolare di Bari, uscite sostenibili con un occhio al mercato

Banche, Mps: in vista un nuovo ricorso ad Amco?

NEWSLETTER
Iscriviti
X