Azimut, la raccolta di dicembre ha un sapore agrodolce

A
A
A
di Redazione 11 Gennaio 2012 | 09:32
Le reti del gruppo hanno visto afflussi per 742,2 milioni il mese scorso. Ma il dato scende a 117 milioni se si esclude il consolidamento delle masse di Compagnie de Gestion privée Monegasque…

Non cambia di molto a dicembre la raccolta di Azimut. Secondo i dati diffusi dal gruppo, la raccolta netta delle reti guidate da Pietro Giuliani si è attestata nel mese di dicembre a 742,2 milioni di euro, di cui 655 milioni attribuibili alla componente gestita del risparmio. Un dato che ha beneficiato in particolare del consolidamento delle masse relative al 51% del capitale di Compagnie de Gestion privée Monegasque (CGM).

Al netto del consolidamento, le tre reti del gruppo – Apogeo Consulting, AZ Investimenti e Azimut Consulenza per Investimenti – hanno comunque registrato afflussi complessivi per circa 117 milioni, in lieve calo rispetto al mese precedente, quando la raccolta aveva raggiunto quota 124 milioni (147 milioni la componente gestita, -42 milioni quella amministrata).

La raccolta totale del 2011 si attesta così a 1,13 miliardi di euro (980 milioni nel risparmio gestito), più del doppio rispetto a fine 2010, quando gli afflussi erano stati pari a 451,1 milioni. Il totale delle masse comprensivo del risparmio amministrato ammonta invece alla fine di dicembre a 16,5 miliardi, di cui 14,6 miliardi fanno riferimento alle masse gestite, in linea con l’anno prima.

Quanto infine al reclutamento di promotori finanziari, nel 2011 Azimut Consulenza, AZ Investimenti ed Apogeo hanno registrato 129 nuovi ingressi (contro i 125 del 2010), portando il totale dei professionisti attivi nelle reti del gruppo al 31 dicembre a 1.393 unità (i pf erano 1.380 al 31 dicembre 2010). “Il 2011 è stato un anno difficile sia per l’industria del risparmio gestito sia per i mercati finanziari”, ha commentato Pietro Giuliani, presidente e a.d. di Azimut.

“In questo contesto il gruppo ha perseguito con serietà e disciplina una duplice strategia, focalizzandosi da una parte sulla gestione del risparmio e dall’altra continuando l’espansione sui mercati esteri”. E per il 2012, ha concluso Giuliani, “continueremo su questo sviluppo attirando nuove competenze e professionalità nelle nostre reti distributive e coinvolgendo capacità gestionali in giro per il mondo. Inoltre, continueranno le iniziative commerciali sulla clientela nuova ed esistente”.

A partire da domani: il 12 gennaio infatti, ha ricordato il numero uno di Azimut, “per tutti coloro che credono nel futuro del nostro Paese e desiderano diversificare il proprio portafoglio, promuoviamo in tutte le nostre agenzie il “BTP Day secondo Azimut”, focalizzato sul fondo Solidity che investe esclusivamente in Titoli di Stato italiani”.

Dati in milioni di € Raccolta Dicembre Raccolta 2011 Patrimonio al 31/12/2011 Δ% nel
2011
Fondi # 758,1 942,4 14.219,5 ‐0,5%
Gestioni patrimoniali e altre ‐3,3 ‐137,2 644,5 ‐20,7%
Gestioni patrimoniali e altre 18,7 64,2 833,0 ‐2,5%
Totale gestito netto* 655,1 979,7 14.620,8 0,1%
Titoli, fondi terzi e c/c 87,1 154,9 1.923,4 0,7%
Totale 742,2 1.134,6 16.544,2 0,1%

* al netto di duplicazioni

# Il dato ASSOGESTIONI non comprende la raccolta estero su estero e le commissioni di ingresso;
sono compresi fondi comuni, hedge e alternativi

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Azimut, un finanziamento a tutta energia

Azimut, un asso da Credit Suisse per la rete

Azimut, quando la gestione abbraccia i virtual assets

NEWSLETTER
Iscriviti
X