Le banche si preparano a rafforzare il patrimonio, Mps vola in Borsa

A
A
A
di Redazione 23 Gennaio 2012 | 09:04
Ubi Banca, Banco Popolare e Monte Paschi di Siena hanno inviato a Banca d’Italia i progetti di rafforzamento del patrimonio che non prevederebbero aumenti di capitale

Ubi Banca, Banco Popolare e Monte Paschi di Siena hanno inviato a Banca d’Italia i progetti di rafforzamento di capitale che permetteranno di raggiungere il core tier1 ratio del 9% richiesto dall’Eba. Nello specifico tutti e tre gli istituti di credito puntano a colmare il gap di capitale attraverso un diverso computo dei bond convertibili e tramite la migrazione a modelli avanzati di rating interni.  Secondo indiscrezioni inoltre, nessuna banca avrebbe ipotizzato aumenti di capitale. La deadline per capire se i piani di rafforzamento siano sufficienti sarà il 7/8 febbraio, data in cui l’Eba dovrà dare il suo giudizio.

“Bisogna attendere il pronunciamento dell’Eba per capire se le banche italiane dovranno effettivamente fare ricorso a nuovo capitale”, hanno commentato gli analisti di Intermonte. “Riteniamo che anche Banco Popolare debba comunque procedere con un rafforzamento del capitale mentre Ubi è a posto”. Intanto Mps è congelata in Piazza Affari stamattina per eccesso di volatilità, con un rialzo teorico del 9,13% a 0,25 euro. Già venerdì scorso il titolo della banca senese aveva segnato un rialzo dell’8% su ricoperture innescate anche dall’ottimismo per il piano di rafforzamento patrimoniale. “Sui bancari c’è un forte scoperto. Nello specifico di Mps e UniCredit si tratta di titoli che erano scesi molto”, ha osservato un broker interpellato dall’agenzia di stampa Reuters.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banche, Mps: Anima possibile candidata alla ricapitalizzazione

Mps e Popolare di Bari, uscite sostenibili con un occhio al mercato

Banche, Mps: in vista un nuovo ricorso ad Amco?

NEWSLETTER
Iscriviti
X