Banche venete di nuovo a caccia di soldi

A
A
A
di Andrea Telara 18 Maggio 2017 | 09:14
Per dare il disco verde alla ricapitalizzazione della Popolare di Vicenza e di Veneto Banca, la Commissione Europea potrebbe chiedere un nuovo apporto di capitali privati.

Per dare il via libera alla ricapitalizzazione precauzionale delle banche venete finanziata con soldi pubbblici la Commissione Ue avrebbe chiesto un maggior importo di capitali privati, in modo che l’intervento dello Stato non copra perdite certe o prevedibili. Lo scrive l’agenzia Reuters aggiungendo che una delle strade per iniettare capitali privati nella Popolare Vicenza e in Veneto Banca passa per il Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi, Fitd. Lo riferiscono sei fonti vicine alle banche,  citate dalla stessa agenzia Reuters. Una delle fonti sostiene che l’opzione del fondo volontario, per quanto ora solo teorica, sembra l’unica praticabile. Un’altra fonte sottolinea che si è lontani dal fare una scelta. Il direttore generale del Fitd, Giuseppe Boccuzzi, contattato dai cronisti di Reuters, dice che a lui non risultano “iniziative del genere”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

La politica non ne parla, ma il debito pubblico italiano continua a lievitare

Popolare di Vicenza, i pm chiedono l’insolvenza

Acf e Abf, stop ai ricorsi sulle ex popolari venete

NEWSLETTER
Iscriviti
X