Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con le assicurazioni sulla vita

A
A
A
di Chiara Merico 23 Maggio 2017 | 14:28
La risposta esatta alla domanda pubblicata ieri, a proposito del divieto di iscrizione all’albo, era quella contraddistinta dalla lettera C,

RISPOSTA “C” – La risposta esatta alla domanda pubblicata ieri, a proposito del divieto di iscrizione all’albo, era quella contraddistinta dalla lettera C. La riproponiamo qui di seguito.

Secondo l’art. 2 del decreto del Ministro del Tesoro n. 472 del 1998, quanto dura il divieto di iscrizione all’Albo unico dei consulenti finanziari per coloro che hanno svolto, fino a sette anni prima dell’adozione dei relativi provvedimenti, funzioni di direzione o controllo in imprese operanti nel settore assicurativo sottoposte alla procedura di amministrazione straordinaria?

A: Sei mesi
B: Tre mesi
C: In questo caso non sussiste nessun divieto
D: Nove mesi

NUOVO QUESITO – La domanda di oggi nell’ambito della nostra training class dedicata alla formazione dei consulenti finanziari riguarda le assicurazioni sulla vita. Mettetevi alla prova e tornate domani a verificare la risposta.

A riguardo delle assicurazioni sulla vita, l’art. 1920 del codice civile indica come, quando il beneficiario sia stato designato al momento della conclusione del contratto e non sia intervenuta variazione per volontà del contraente, il soggetto acquista un diritto proprio alle somme assicurate: questo cosa comporta?

A: Si tratta di un diritto autonomo nel senso che non ha alcun effetto sul patrimonio del contraente, di conseguenza, i suoi eredi non potranno rifarsi su tale somma per soddisfare i loro diritti, sempre nel rispetto della quota di legittima nei limiti dei premi versati
B: Nessuna delle altre alternative è corretta
C: Si tratta di un diritto autonomo nel senso che non ha alcun effetto sul patrimonio del contraente, di conseguenza, i suoi eredi non potranno rifarsi su tale somma per soddisfare i loro diritti, neppure nel rispetto della quota di legittima
Si tratta di un diritto autonomo che ha effetto sul patrimonio del contraente, di conseguenza, i suoi eredi potranno rifarsi su tale somma per soddisfare i loro diritti, indipendentemente dal rispetto della quota di legittima

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con il codice deontologico Anasf

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con il risparmio amministrato

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con la prova valutativa

NEWSLETTER
Iscriviti
X