Promotori finanziari, l’avidità del cliente può nuocere al risparmio

A
A
A
di Maria Paulucci 18 Aprile 2012 | 16:30
Al Salone del Risparmio si confrontano Alessandro Foti di Fineco e di Pietro Giuliani di Azimut…

Non capita sempre, ma certe volte capita. Che il cliente venga truffato perché è avido. “Vuole il massimo rendimento con il minimo rischio. In questo modo, in alcuni casi può indurre l’intermediario a non raccontargliela proprio tutta”. A dirlo, in una conferenza nell’ambito del Salone del Risparmio, è il presidente e amministratore delegato di Azimut Holding, Pietro Giuliani. Insomma, non solo il risparmiatore va tutetato: anche l’intermediario va protetto, “perché spesso è vittima dell’avidità e della presunzione del cliente”.

Giuliani mette in guardia i risparmiatori dalla tentazione di cercare scorciatoie. Vale insomma la vecchia regola: chi ama poco il rischio, deve prepararsi a rendimenti più modesti. Ma per tenere sempre a mente questa regola, l’investitore – a qualunque fascia di patrimonio appartenga – deve studiare. Insomma, i fondamenti dell’educazione finanziaria servono a tutti. Posto che poi ognuno alla fine svolge il proprio mestiere: il consulente fa il consulente e il cliente fa il cliente, possibilmente senza farsi troppo influenzare dal circuito delle notizie – spesso eccessivamente roboanti – dei mass media.

Non solo: diversificare, diversificare, diversificare. Il manager insiste molto su questo punto. E lo stesso fa Alessandro Foti, amministratore delegato di FinecoBank, che dal canto suo precisa: “L’Italia ha un alto ammontare di risparmio e una bassa cultura finanziaria. Recentemente abbiamo assistito a una serie di shock. Abbiamo imparato che non esistono investimenti privi di rischio. L’altro concetto è, appunto, la diversificazione. Diversificato è molto meglio. Le prossime generazioni non potranno più permettersi di gestire i risparmi in maniera poco efficiente. Non esiste un risparmio da concentrare tutto su un’unica asset class, su un unico Paese e su un unico gestore. Il momento che stiamo attraversando è di difficoltà, ma anche di grande opportunità”.

Per quanto riguarda i professionisti junior, Giuliani conferma che il promotore finanziario nelle reti di Azimut è perlopiù maturo, “perché maturi sono i clienti, che si fidano di chi ha una certa età e li segue da anni”. FinecoBank, con Foti, conferma invece la propria intenzione di continuare a investire nei giovani. Diversificare è meglio, sintetizza in sostanza Foti. Anche quando si parla di età.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Azimut, il venture capital punta a sud-est

Azimut, il migliore private & wealth management

Azimut, un nuovo accordo a tinte verdeoro

NEWSLETTER
Iscriviti
X