Professional Financial Traders – Genève Invest, qui logo ci cova

A
A
A
Biagio Campo di Biagio Campo 30 Aprile 2012 | 08:00
Secondo i vertici di Genève Invest, la società londinese Professional Financial Traders starebbe usando illecitamente il logo della società ginevrina per avere vantaggi sul mercato italiano.

A partire dallo scorso febbraio la società londinese Professional Financial Traders Holding UK Ltd ha contattato tramite e-mail promotori e consulenti finanziari, proponendo le proprie gestioni in opzioni in grado di offrire rendimenti significativi per i clienti e retrocessioni elevate per i promotori, attraverso uno schema di non facile comprensione.

Per facilitare la raccolta nel mercato italiano, Professional Financial Traders Holding UK starebbe utilizzando in maniera del tutto infondata il logo di Genève Invest, spiega la stessa società ginevrina, vantando senza nessun fondamento l’acquisto della società Svizzera specializzata in gestioni obbligazionarie corporate.
Come spiega Gianmaria Panini, responsabile del mercato italiano di Genève Invest: “La società Genève Invest Sarl ci tiene a specificare che non vi è e non vi è mai stato alcun tipo di rapporto/legame/collaborazione con la società Professional Financial Traders che risulta peraltro registrata in Inghilterra ma dalle stesse autorità non autorizzata a svolgere attività di intermediazione finanziaria. Genève Invest Sarl è una società di gestione patrimoniale del tutto indipendente, regolarmente iscritta alla camera di commercio di Ginevra ed autorizzata ad esercitare l’attività di intermediazione finanziaria in virtù dell’affiliazione a Polyreg, uno degli istituti riconosciuti dall’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari Finma”.
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Unione bancaria, la mina dei derivati sugli istituti europei

Derivati, ora più poteri a Esma

Derivati, la Brexit non sgancia la bomba

Derivati, vittoria in tribunale del Credem e dello Studio Zitiello

Nuovo governo a rischio scivolone sui derivati

Derivati, la Corte dei Conti chiede più di 4 miliardi a Morgan Stanley

Bafin: Deutsche Bank contabilizzò impropriamente dozzine di operazioni

Mps cala, al via procedimento per ristrutturazione derivato Alexandria

Derivati: banche e investitori dovranno passare dalle clearing houses

Aziende Usa ancora prudenti nelle assunzioni

Borse: sulla piazza di Londra arrivano i derivati targati Cme Group

Derivati, Draghi detta le regole

Cds, derivati e short: oggi la stretta Ue

Comune di Roma a rischio scandalo derivati come Milano

Derivati Milano, per ora il giudice dà ragione a Palazzo Marino

Banche italiane: meno rischio sui derivati

Consulenti – Ingiusto archiviare l’affaire derivati

Scandalo derivati, arrivano 30 rinvii a giudizio

Derivati, non abbiamo imparato nulla

Parola d'ordine: chiudere i derivati

Derivati, l'Isda chiede garanzie alla Commissione Europea

Osservatorio derivati: la crisi finanziaria e la voglia di regolamentazione

Osservatorio Derivati: segnali di rallentamento nei volumi OTC e regolamentati

Enti pubblici, continua lo scandalo derivati

Scandalo derivati: le banche disertano l'udienza

Scandalo derivati: sequestrati alle banche 460 milioni

Scandalo comuni & derivati: arriva l'assistenza di Assorisp

I derivati tengono sotto scacco Milano

Le Banche USA chiedono una riforma del mercato

Scandalo derivati: Citigroup pronta a pagare

Scandalo derivati: anche San Marino chiede i danni alle banche

Scandalo derivati: Corritore presenta il conto alle banche

NEWSLETTER
Iscriviti
X