Promotori, arriva il film di Jackfly: ecco la prima puntata

A
A
A
di Redazione 18 Giugno 2012 | 09:08
Nicola Scambia ha deciso di dare vita ai suoi personaggi con un film in tre puntate che sarà online a partire dal 23 luglio sul sito web…

Jackfly il romanzo diventa film. Dopo aver raccontato in un libro la storia del pf milanese Giacomo La Mosca in lotta contro lo strapotere di una banca – tratto da una storia vera – Nicola Scambia ha deciso di dare vita ai suoi personaggi con un film in tre puntate che sarà online sul sito web www.jackfly.net a partire dal prossimo 23 luglio. Con l’ambizione di realizzare un giorno un vero financial-trhiller destinato al grande schermo.  Nell’attesa, Bluerating riporta di seguto lo scritto della prima puntata:

Giacomo (Jack) La Mosca detto Jackfly, promotore finanziario in Nattan Bank, viene incastrato in una trappola legale e ingiustamente licenziato. Jack non ci sta e vuole farla pagare all’amministratore delegato della banca e all’avvocato complice dell’intrigo. Jack si mette alla ricerca di elementi di prova della sua innocenza e  scopre una serie di irregolarità e veri e propri reati commessi da una “coppia” di dirigenti corrotti: Mancini, l’amministratore delegato e Sturli l’avvocato della banca. Ovviamente la banca non sta a guardare e cerca ripetutamente di metterlo a tacere, ora temporaneamente con segnalazioni alla Consob, alla centrale rischi, minacce, o definitivamente, con un attentato (facendolo picchiare).

Per Giacomo La Mosca tutto è perduto. E sparisce dalla circolazione.

Qualche tempo dopo…

“Ciao, dove sei?”

“Sono in macchina. Sto venendo in ufficio.”

“Fermati e guarda il link che ti mando.”

“Adesso?”

“Sì, adesso, sennò quando? Se ti chiamo vuol dire che è urgente.”

“Ho capito. Ma che roba è?”

“Uno spot. È arrivato il link?”

Cling.

“Sì, ho sentito che mi è arrivato.”

“Bene. Allora guarda il filmato e poi ci sentiamo.”

 

L’avvocato Sturli, dello studio Sturli & Sturli non fermò la Jaguar che arrancava nel traffico della tangenziale est di Milano alla stessa velocità della comunissima Dacia che la precedeva, ma con la consolazione di una classe superiore. Questo vizio che aveva Mancini, l’amministratore delegato della Nattan Bank, di fare il capo che impartisce ordini a destra e a manca, gli dava sui nervi. Ma un cliente da diverse decine di migliaia di euro l’anno non si può mandare a cagare. Quindi smanettò sullo smartphone, spedì il link sul navigatore, commutò quest’ultimo su TV (cosa vietata con la macchina in movimento, ma aveva fatto modificare il sistema informatico) e il link si aprì.

 

Questa promozione è dedicata ai clienti della Nattan Bank disse un tale vestito classicamente da bancario sorridendo a sessantaquattro denti.

Ragazzi, che ci fate ancora in una banca che vi fa pagare un sacco di soldi di commissione di gestione e in più ci perdete i vostri soldi? Guardate qui e sventolò “Corriere Economia”. La Nattan è quella che, nella gestione dei capitali, dà le peggiori performances con i costi di gestione più alti. Guardate qui e sventolò “Le classifiche di Morningstar con tutti i fondi di Nattan con una sola stella”

Non sarete mica scemi, no?

E allora venite da noi. La Sicav JACKFLY  ha gli stessi comparti di quelli della Nattan, e vi fa guadagnare… guardate qui… e stavolta si spostò un po’ sulla sinistra mostrando una sequenza di grafici, che due alla volta confrontano i fondi Nattan con quelli JACKFLY.

La Nattan ha il fondo NATTAN America che investe su titoli quotati sul mercato americano con il suo gestore a Milano; noi abbiamo il JACKFLY America che investe sul mercato americano ma il gestore siamo andato a pescarlo in America e abbiamo preso il migliore: John Richmond di Detroit. Lo paghiamo per gestire il fondo JACKFLY America ma soprattutto per battere Nattan America. Mettete a confronto i risultati: 100 mila euro investiti dieci anni fa sul fondo Nattan America sarebbero diventati oggi 97 mila euro mentre con John Richmond sarebbero diventati 230 mila.

Un altro esempio?

La Nattan ha il fondo Nattan Greater Cina con il suo gestore italiano che seleziona i titoli cinesi da Milano. Noi siamo andati in Cina e abbiamo preso il migliore gestore, tale Yang Yoan, e l’abbiamo trovato a Shanghai. 100 mila euro con Nattan Greater Cina sarebbero diventati in dieci anni 109 mila euro, con Yang Yoan 383.000.

Insomma, amici che ora siete ancora in Nattan Bank: passate a JACKFLY  se volte guadagnare. Buttateli a mare i fondi della Nattan e venite da noi!

CRASH!!!

Continua…

 
Scarica gratuitamente il romanzo JACKFLY dal sito www.jackfly.net

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti