Doris: oggi le banche hanno il “braccino corto”

A
A
A
di Redazione 19 Giugno 2012 | 07:28
Secondo il numero uno di Mediolanum le banche hanno in questo momento naturalmente il braccino corto…

“I crediti in sofferenza in Italia in tre anni sono passati da 41 miliardi a poco più di 107, quindi sono quasi triplicati, e questo è un grosso problema per gli istituti”. Lo ha detto Ennio Doris, presidente di Mediolanum margine di un convegno a Trieste che ha aggiunto che “le banche in questo momento hanno naturalmente il braccino corto perchè gli istituti raccolgono risparmio dai privati, ma anche dalle istituzioni e poi questo gira nel mondo”. Nel nostro Paese, ha continuato Doris, “c’è risparmio estero così come all’estero c’è risparmio italiano fatto attraverso una banca che dà soldi a un’altra banca.

Ebbene negli ultimi 16 mesi dall’Italia sono usciti 210 miliardi e sono usciti perchè vanno in Germania, Stato ricco di liquidità mentre noi un pò meno. Per fortuna a questo ha provveduto almeno un po’ la Bce, ma così il braccino corto è naturale averlo”. Doris ha anche promosso la decisione del governo di procedere alle dismissione dei beni pubblici, cioè “quello che farebbe una famiglia in difficoltà e che deve pagare la rata del mutuo. E siccome lo Stato italiano è ricco di proprietà immobiliari è giusto che vengano utilizzate queste proprietà”, per didurre l’enorme debito pubblico italiano.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Ennio Doris, un botto da 500 milioni

“Io, Ennio Doris e quella volta ad Arcore”

Ennio Doris (Banca Mediolanum): “Fusione tra banche? Sì ma per gli altri”

NEWSLETTER
Iscriviti
X