Gaa sim fa shopping tra i pf di Banca Network

A
A
A
di Redazione 20 Giugno 2012 | 14:18
Una fonte interna alla società presieduta da Giampaolo Abbondio ha confermato a Bluerating che…

Gaa sim sta chiamando a sé molti dei promotori di Banca Network, dopo che la rete è stata rilevata da Consultinvest sim. E la cosa non sorprende, considerando che la maggior parte di questi è alla ricerca di un nuovo posto di lavoro e che l’ex responsabile della rete di pf di Bni, Carmine Acquaviva, è confluito proprio nella società di Abbondio. Come sottolinea un lettore che sul sito di BLUERATING si definisce un “ex promotore Bni”: “Forse non sapete che in moltissimi stiamo andando in Gaa sim (la società di intermediazione mobiliare presieduta e fondata da Giampaolo Abbondio, ndr) con premi di trasferimento portafoglio per 24 mesi e minimi garantiti per 24 mesi”.

E dalla società non smentiscono, anzi: una fonte interna a Gaa sim ha infatti confermato a BLUERATING che ultimamente si è registrato un significativo flusso di professionisti migrati da Banca Network, anche se non è esclusivamente quella la fonte di provenienza  dei neo reclutati. Niente di nuovo sotto il sole, comunque: già alla fine di aprile BLUERATING aveva infatti segnalato come sia in corso ormai da mesi una sorta di “reclutamento sottobanco” da parte dello stesso Acquaviva. Il manager sarebbe stato infatti ingaggiato da G.A.A. sim proprio per attrarre nuovi pf con promesse di corposi guadagni e per costruire una rete. Altri proffessionisti usciti da Banca Network sono poi passati a Banca Euromobiliare, Sanpaolo, Allianz, Banca Generali. La sensazione è che non saranno in molti a restare.

Intanto la saga Banca Network continua. L’ultima notizia è che il gruppo Cassa di Risparmio di Ravenna non intende intervenire nel salvataggio, come ha precisato il presidente Antonio Patuelli a margine dell’esecutivo Abi replicando ai commissari straordinari della Banca, che avevano chiesto l’intervento del gruppo ravennate. Entrando all’esecutivo dell’Abi, Patuelli ha spiegato come il gruppo Cr Ravenna ”non ha nulla a che fare con Banca Network” e ha ricordato come possieda solamente il 50% di Consultinvest Sgr e non ha ”alcuna azione” della Consultinvest Spa e della Consultinvest Sim che invece hanno fatto un’offerta per rilevare pochi giorni fa la rete di promotori finanziari di Banca Network.  A chi gli chiedeva il perche’ del richiamo dei commissari straordinari, Patuelli ha replicato come ”solo il Papa e’ infallibile e per altro lo e’ solo quando parla di questioni teologiche”. Il presidente di Cr Ravenna ha quindi concesso che se ”i correntisti e i clienti di Banca Network volessero trasferire i loro depositi da noi li esamineremo e li accoglieremo” ma senza salvataggi o iniezioni di liquidità.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, una raccolta monstre ad agosto. Testa a testa Intesa-Generali

Banca Generali, gran colpo da Azimut per il private

Banca Generali, it’s Time to change

NEWSLETTER
Iscriviti
X