Pf, il riassunto del primo semestre: febbraio

A
A
A
di Redazione 29 Giugno 2012 | 09:21
Il 2 febbraio del 2012 la banca ha dunque compiuto 30 anni tondi

L’episodio è noto, e BLUERATING lo ha ricordato sul numero 6 di quest’anno. Nel maggio del 1981, il mensile Capital – edito all’epoca dalla casa editrice Rizzoli – pubblica una lunga intervista a Silvio Berlusconi, giovane imprenditore milanese attivo nel settore immobiliare e anche in quello televisivo. Colui che un giorno avrebbe assunto la carica di presidente del Consiglio a un certo punto dichiara: “Se qualcuno ha un’idea e vuole diventare imprenditore, mi venga a trovare. E se l’idea è buona, ci lavoriamo insieme”. Un incontro casuale a Portofino permette a Ennio Doris di conoscere Berlusconi e di illustrargli il suo progetto. Così, il 2 febbraio del 1982 nasce la società Programma Italia. Che un po’ di anni dopo diventa Banca Mediolanum.

Il 2 febbraio del 2012 la banca ha dunque compiuto 30 anni tondi. E ha festeggiato con un tour in quattro tappe che ha toccato Catania, Roma, Milano e – nel giorno del compleanno – Padova, la cui provincia ha dato i natali al presidente Doris. Un’iniziativa aperta a tutti gli oltre 4.000 promotori finanziari della rete. Nella sua intervista a BLUERATING, rilasciata durante i giorni del tour, Ennio Doris ha confermato il suo ottimismo sulla soluzione della crisi del debito in Europa, la sua fiducia nell’evoluzione tecnologica e le strategie del gruppo per la rete di family banker.

Che, come qualche mese dopo ha comunicato il direttore commerciale Stefano Volpato, “vogliamo raddoppiare in dieci anni”. I fatti oltre le parole: all’annuncio del manager è seguito l’avvio di una campagna pubblicitaria che, come altre prima, vede protagonista lo stesso Doris. Negli spot televisivi, in onda sui principali canali nazionali, il presidente invita chi ha già esperienza di lavoro nel mondo bancario a farsi avanti e a proporsi attraverso il portale www.familybanker.it. Un modo per intercettare quei professionisti costretti a uscire dai grandi istituti per via delle ristrutturazioni e dei grandi esodi in corso in questo periodo.

Banca Mediolanum a parte, a febbraio è arrivata anche una novità tecnica: il 17 febbraio, in accordo alle previsioni comunitarie, Assogestioni ha modificato i limiti di investimento per i fondi di liquidità e ha cambiato la denominazione delle categorie in fondi di mercato monetario. Il 17 e il 18, invece, si è rinnovato a Parma l’appuntamento con il congresso AssiomForex, giunto ormai alla 18esima edizione. Presenti molti numeri uno della finanza e il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco, che nella sua prima volta a questo evento ha detto: “Le banche italiane sono solide, ma sono state penalizzate dalle tensioni sul debito pubblico”. Nel suo discorso, Visco ha anche messo in guardia gli italiani. “Il 2012 sarà un anno di recessione, con un calo del Pil dell’1,5%, secondo le previsioni di Bankitalia, ma bisogna guardare avanti. Solo nel 2013 ci sarà una svolta positiva. Non mancherà comunque il sostegno della Banca centrale europea, che garantirà un supporto in termini di liquidità”.

E sempre a proposito di crisi, il governatore di Bankitalia ha bacchettato gli operatori del sistema bancario italiano: “A dicembre è crollato il credito alle imprese. Le banche devono dimostrare di saper selezionare i prestiti”. Il congresso è stato anticipato di una settimana rispetto all’agenda iniziale, che fissava l’incontro per il 24 e 25 febbraio, a causa del G20 concomitante. Ancora Assogestioni: il 22 febbraio, il consiglio direttivo ha deliberato la modifica dei principi per la scelta dei candidati di minoranza alle cariche sociali delle società quotate.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banca Mediolanum, i perché della fine di un’era

Ennio Doris, un botto da 500 milioni

“Io, Ennio Doris e quella volta ad Arcore”

NEWSLETTER
Iscriviti
X