Intesa Sanpaolo lo fa protetto

A
A
A
Daniel Settembre di Daniel Settembre 13 Luglio 2012 | 08:47
Le nuove tecnologie a cui ricorrono sempre più aziende impongono una riflessione sulle strategie di sicurezza informatica da adottare per…

SICURO E’ PIU’ BELLO – Sull’importanta della sicurezza nella circolazione delle informazioni ne è ben consapevole Intesa Sanpaolo, il cui Ufficio Progettazione e Standard Sicurezza Informatica ha iniziato nel lontano 2009 un percorso di sviluppo della cultura della sicurezza. NewMedia Solutions collabora a questo progetto che ha come obiettivo il rafforzamento e la consapevolezza di tutto il personale del gruppo di Ca’ de Sass sul valore della protezione delle informazioni, degli asset aziendali e della reputazione della banca. Il supporto della società guidata da Antonio Procopio è stato fondamentale per il progetto, di cui “abbiamo seguito l’analisi preliminare al design, la progettazione, la redazione dei testi, lo sviluppo vero e proprio, e la rendicontazione dei dati statistici”.

…E LA PILLOLA VA GIU’ – L’iniziativa si basa su soluzioni innovative come “Le pillole di sicurezza”, un modello di formazione e-learning snello, veloce e accattivante focalizzato sui temi della sicurezza informatica. Le pillole sono disponibili nell’area di formazione della intranet del gruppo, si basa sulla tecnologia web ed è strutturata come un gioco di abilità all’interno del quale ottenere la misurazione del proprio “rating” di sicurezza.

I RISCHI DEL FILE SHARING –
Sempre più aziende, grandi e piccole, si affidano alle varie tecnologie ‘cloud based’ per gestire l’enorme quantità di informazioni e dati che circola all’interno di esse. È diventato quindi necessario proteggersi da eventuali attacchi informatici. Da una ricerca Symantec, SMB File Sharing Survey, è emerso che i rischi che corrono le piccole medie imprese in conseguenza della diffusione del file sharing online sono sempre più numerosi. La ricerca ha rivelato che i dipendenti delle Pmi adottano in misura crescente soluzioni di file sharing online autogestite e per uso personale senza l’autorizzazione da parte dell’It. A volte con conseguenze disastrose: il 71% delle piccole imprese che subiscono un attacco informatico infatti non si riprende più.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

NEWSLETTER
Iscriviti
X