Apogeo, il fondo lussemburghese cala una nuova doppietta

A
A
A
di Redazione 13 Luglio 2012 | 14:54
Uno crede nell’area euro mentre l’altro scommette sul resto del mondo

Sono due le novità più recenti che hanno arricchito la gamma prodotto offerta da Apogeo Consulting nelle ultime settimane: i nuovi comparti del fondo di diritto lussemburghese AZ Fund 1 – gestito da AZ Fund Management Sa – Global Currencies & Rates e Bond Target Settembre 2016. Il primo investe esclusivamente in strumenti obbligazionari appartenenti all’area non euro, sia di Paesi emergenti sia di Paesi sviluppati, consentendo ai sottoscrittori di partecipare all’apprezzamento di tali valute verso la moneta europea.

Si tratta di un prodotto globale caratterizzato da un alto livello di diversificazione valutaria, ideale per chi vuole ridurre il rischio di detenere una posizione rilevante su un singolo Paese, e da una bassa correlazione con l’andamento dei tassi. Il portafoglio è concentrato su emissioni sovranazionali con rating AAA, decorrelate dal cosiddetto “rischio Paese”, il che permette ai sottoscrittori di accedere a valute altrimenti non investibili direttamente. Le spese una tantum per i sottoscrittori sono del 3% sul valore nominale del piano nel caso di piani pluriennali di investimento, o del 2% nel caso di sottoscrizioni effettuate in un’unica soluzione, più il 2,5% sugli importi oggetto di rimborso. Su base annua è previsto il pagamento di spese di gestione e di funzionamento pari all’1,9% degli attivi netti del comparto, più uno 0,010% del valore complessivo del comparto per ogni punto percentuale di rendimento realizzato dal comparto stesso.

La seconda novità può attrarre chi voglia scommettere su un recupero dell’euro e dei bond dei Paesi “periferici” europei. È un comparto obbligazionario che allarga la famiglia “Target” dei fondi a scadenza del gruppo Azimut, con una durata prestabilita di quattro anni con termine 30 settembre 2016 e che distribuirà una cedola su base trimestrale. Il comparto è sottoscrivibile fino al 10 agosto e vede un portafoglio costituito esclusivamente da obbligazioni governative e sovranazionali e obbligazioni corporate principalmente investment grade con scadenza allineata a quella del prodotto. In particolare il comparto, che non detiene alcun investimento di natura azionaria, ha nella componente corporate un’ampia diversificazione, grazie alla presenza nel portafoglio di almeno 80 emittenti nazionali e internazionali con un’esposizione massima per singolo emittente del 2%. In questo caso, le spese una tantum per i sottoscrittori sono pari al 2% delle sottoscrizioni effettuate in un’unica soluzione, più il 2,5% sugli importi oggetto di rimborso. Su base annua è previsto il pagamento di spese di gestione e di funzionamento pari all’1,3% degli attivi netti del comparto più uno 0,005% del valore complessivo del comparto per ogni punto percentuale di rendimento realizzato dal comparto stesso.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Francesco Buttò lascia Mediolanum per Apogeo Consulting

Apogeo, soltanto i migliori ce la faranno

Promotori finanziari – Apogeo cala la raccolta ma presto tutta di Azimut

NEWSLETTER
Iscriviti
X