Promotori, in tempi di crisi il conto deposito fa gola agli italiani

A
A
A
di Redazione 18 Luglio 2012 | 12:15
Lo certifica anche il comparatore online Facile.it, che prova a spiegare i motivi di un successo

L’ORA DEI DEPOSITI – Conto deposito, ancora tu. Il comparatore online Facile.it ha analizzato i preventivi di conto deposito arrivati sul sito negli ultimi mesi e ha scoperto che, soprattutto in tempo di crisi, gli italiani sono pronti a mettere al sicuro somme anche di un certo livello: in media 19mila euro, vincolate per 15 mesi. A spingere i risparmiatori verso il conto deposito, di cui anche la Banca centrale europea ha sottolineato il boom, contribuiscono la rimodulazione delle aliquote fiscali (la tassazione sui depositi, liberi o vincolati che siano, è passata dal 27% al 20%) e l’esenzione dall’imposta di bollo di 34,20 euro per tutte le giacenze di valore inferiore ai 5mila euro. Ma a spingere per l’apertura dei conti di deposito sono anche gli istituti bancari, che cercano così di accaparrarsi la liquidità dei correntisti.

ALLA RICERCA DI CERTEZZE – “In una fase in cui ottenere un prestito o un mutuo è sempre più difficile”, spiega Lorenzo Bacca, responsabile dei prodotti finanziari di Facile.it, “la concorrenza tra gli operatori si gioca sul terreno degli strumenti di raccolta. Il risultato è che, pur di ribilanciare i loro assetti patrimoniali, le banche offrono prodotti il cui rendimento netto può raggiungere anche il 4% per somme vincolate per almeno 12 mesi. E il 4%, è bene ricordarlo, è un valore superiore a quello dell’inflazione”.

COME TROVARE QUELLO GIUSTO – Dunque, chi ha un po’ di risorse si guarda attorno e sceglie. Tre le strade che di solito portano all’apertura di un conto deposito: lo sportello della banca di cui si è già clienti, che verosimilmente proporrà il prodotto della casa; lo sportello di un’altra banca, che ragionevolmente farà lo stesso; Internet, dove un aiuto possono darlo i comparatori come Facile.it. Di solito non sono richieste garanzie per l’apertura, e l’attivazione non è subordinata a processi istruttori.

I MOTIVI DI UN SUCCESSO – Un’altra ragione che ha determinato l’impennata dell’interesse per i conti deposito è il fatto che se la banca presso cui è attivato il conto fallisce, la somma depositata è coperta da un fondo interbancario che garantisce il rimborso fino a 100mila euro. Il consiglio degli addetti ai lavori, per questo come per altri prodotti, resta comunque sempre lo stesso: documentarsi, ascoltare più di un consulente, non lanciarsi d’impeto sulla prima offerta che sembra fare al caso nostro. Quando si parla di soldi, la prudenza rimane la regola numero uno.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

CheBanca!, il conto deposito che fa bene

Tassi conto deposito: tutto quello che c’è da sapere

Il grande ritorno dei conti di deposito

NEWSLETTER
Iscriviti
X