Banca Network, da dipendenti e pf amarezza e preoccupazioni

A
A
A
Avatar di Redazione 25 Luglio 2012 | 14:47
Venerdì 13 luglio, i lavoratori si sono messi a protestare sotto la sede di Aviva

Ultime battute per la vicenda Banca Network dopo la decisione di liquidare tutto, lasciando a casa quasi 60 dipendenti. Una novità nell’aria già da qualche tempo e che nonostante il grido di protesta dei lavoratori dell’ex banca Bipielle Net non sembra trovare nessuno interessato a offrire loro una prospettiva futura. È del resto un periodo difficile per la finanza in tutto il mondo, complice mercati che restano volatili per il protrarsi della crisi del credito europeo e la prospettiva di un rallentamento economico più marcato e prolungato del previsto nel Vecchio Continente anche a causa delle misure di austerity varate dai Paesi “periferici” del Sud Europa, tra cui l’Italia.

I soci (Aviva, Sopaf, Dea Partecipazioni e Banco Popolare) si sono sostanzialmente chiamati fuori e anzi Sopaf ha respinto ogni addebito in merito alle indiscrezioni di stampa circa un’inchiesta che la magistratura milanese avrebbe avviato sulla vicenda ricordando di “non detenere e non aver mai detenuto il controllo di Banca Network Investimenti”, di non avere “mai avuto alcuna esposizione nei confronti di Lehman Brothers” e che Ruggero Magnoni unicamente “un azionista di minoranza di Sopaf”, con una quota del 6,52%, e “non ha mai ricoperto alcuna carica nella società” né “ha mai partecipato ad alcun processo decisionale” della medesima.

Risposte che non sembrano rassicurare né i dipendenti (che chiedono a tutte le parti coinvolte un’assunzione di responsabilità nei loro confronti) né i promotori finanziari, oggetto di una proposta da parte di Consultinvest sim (che ha acquisito per 15 milioni di euro diritti su masse gestite per circa 1,8 miliardi e avrebbe già visto l’adesione di 130-180 promotori alla propria offerta, dei circa 300 rimasti in Bni e in fase di ricollocamento). Anzi, un “ex pf” commenta amareggiato: “naturalmente non ha colpa nessuno”, ma “chi ha messo a capo della rete Acquaviva? Chi ha fatto amministratore delegato prima Sturmann e poi Cozzolini? Non certamente noi pf” che in alcun casi “ce ne siamo andati” in disaccordo con “la loro gestione, i loro stipendi, i loro strutturati”. Ora però, conclude il lettore, “le conseguenze le pagano solo i pf e i clienti” e non sembra davvero un bell’esempio di tutela del risparmio.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Sopaf va in liquidazione, l’a.d. Magnoni lascia il cda

Promotori finanziari, due new entry in FinecoBank

Promotori Finanziari – Dal Veneto una ventata d'ottimismo

NEWSLETTER
Iscriviti
X