Banche, Mps incontra i sindacati sugli esuberi

A
A
A
di Redazione 7 Agosto 2012 | 06:49
La banca guidata da Profumo e Viola ha anche fornito alcune precisazioni in merito alla cessione della quota in Banca Popolare di Spoleto…

OGGI E DOMANI IL CONFRONTOMps incontrerà oggi e domani i sindacati per discutere il contestato piano industriale approvato a giugno da Rocca Salimbeni, che ha già scatenato forti proteste. La convocazione alle Rsa delle sigle sindacali – Dircredito, Fabi, Fiba/Cisl, Fisac/Cgil, Sinfub, Ugl, Uilca e Unità Sindacale Falcri-Silcea – era già stata preannunciata dalla nuova responsabile delle risorse umane di Mps, Ilaria Dalla Riva, durante lo sciopero dei dipendenti dello scorso venerdì 27 luglio.

TAGLI E CHIUSURE – Oggetto del confronto di martedì e mercoledì all’Auditorium di Siena saranno in particolare le ricadute occupazionali del piano 2’12-2015: la chiusura di 400 sportelli e gli oltre 4.600 esuberi che, secondo i sindacati, sono in gran parte frutto delle esternalizzazioni del back office (2.300 lavoratori) e della cessione delle società del Gruppo Biver, Consum.it e ramo leasing .

CESSIONE POP. SPOLETO – Intanto Banca Mps ha anche fatto sapere che porterà a termine la cessione della propria partecipazione in Banca Popolare di Spoleto entro sei mesi. La precisazione è arrivata, “anche su richiesta” della Consob, dopo la disdetta, annunciata lo scorso 27 luglio, del patto parasociale con Spoleto credito e servizi società cooperativa (Scs) relativo alla Banca Popolare di Spoleto. “Come conseguenza della disdetta, Scs ha l’obbligo di acquistare, o far acquistare (nel caso della partecipazione in Scs), dette partecipazioni entro sei mesi dalla data della disdetta”, spiega Mps.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti