Mps apre ai sindacati, passo avanti nel confronto

A
A
A
di Redazione 8 Agosto 2012 | 14:41
La banca ha accettato di valutare delle alternative all’esternalizzazione del back office. Possibile la revoca dello sciopero già in programma per lunedì 13…

UN PASSO IN AVANTI NELLE TRATTATIVE – Segnali di schiarita nella trattativa tra Mps e sindacati bancari sul piano industriale al 2015. Nel corso dell’incontro in corso oggi all’Audiorium di Siena l’istituto do credito ha accettato la proposta avanzata dalle nove sigle sindacali di valutare alternative all’ipotesi di esternalizzazioni del back office. Positiva la reazione dei sindacati, che ora considerano possibile la revoca dello sciopero già in programma per lunedì prossimo, 13 agosto. E proprio lunedì si aprirà un tavolo tecnico, che proseguirà anche il giorno successivo, per affrontare la questione delle alternative alle esternalizzazioni.

REAZIONE POSITIVA – “Riteniamo quello appena raggiunto un primo risultato, che ci permette di affrontare il tema delle esternalizzazioni non più come un dogma”, ha commentato Florindo Pucci, coordinatore Fabi del gruppo Mps. “Per giungere agli obiettivi di risparmio fissati dall’azienda, occorre puntare su altri meccanismi che non incidano sull’occupazione. Come Fabi continueremo a chiedere in maniera perentoria l’interruzione delle consulenze esterne e dell’affidamento a terzi di alcuni servizi che potrebbero tranquillamente essere svolti dal personale della banca. Le professionalità interne, infatti, non mancano”

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti