Banca Ifis, l’utile balza del 188% nel semestre

A
A
A
di Redazione 9 Agosto 2012 | 13:23
L’istituto di credito ha registrato nella prima metà dell’anno un risultato netto di 37,7 milioni di euro, che si confronta con…

UTILE IN CRESCITA DEL 188%Banca Ifis ha licenziato i conti relativi al primo semestre del 2012 con un risultato netto in crescita del 188,6% su anno a 37,7 milioni di euro (13 milioni nel primo semestre 2011), mentre nel trimestre l’utile si attesta a 17,9 milioni di euro, da 7,5 milioni di euro nel secondo trimestre 2011 (+140,4%). Il margine di intermediazione è aumentato nei sei mesi a 107,3 milioni di euro da 51,0 milioni, grazie all’apporto positivo di tutti i settori del gruppo, mentre il cost/income ratio è passato al 32,3% dal 39,2% del semestre precedente. Sul fronte patrimoniale, il patrimonio netto si è attestato a 257,7 milioni di euro contro i 196,3 milioni euro al 31 dicembre 2011 con una Solvency pari a 11,9% e un Core Tier 1 di 12,1%.di euro.

IL COMMENTO DELL’A.D. – “Bassa crescita, peggioramento dei conti pubblici e difficoltà strutturali dei sistemi bancari continuano ad alimentare una spirale negativa sul ruolo delle banche nel nostro paese e in Europa. Il Gruppo Banca Ifis è attivamente impegnato nella costruzione del proprio futuro e a sostenere l’economia reale”, ha commentato a.d. Giovanni Bossi. “Nel semestre abbiamo preso decisioni responsabili che stanno dando buoni frutti. Siamo consapevoli delle difficoltà del sistema Italia e dell’Europa, ma siamo anche attenti alle opportunità, certi che il futuro dell’uomo sia nelle idee più che nel denaro, nelle azioni concrete più che nella dimensione delle organizzazioni. La redditività realizzata nel semestre, grazie alle azioni attivate, che continueranno a dare risultati anche nei prossimi mesi, ci permette di pianificare una solida crescita degli impieghi a sostegno delle imprese del Paese”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Ftse Mib alle prese con un white spinning top

Crediti deteriorati, 99 miliardi di euro di “Unlikely To Pay”

Npl: in Italia attesi deal per un valore di mercato di 14,4 mld di euro

NEWSLETTER
Iscriviti
X