Santader Uk mette le mani avanti

A
A
A

Secondo quanto emerge dalla relazione presentata ieri dalla banca alla Securities Exchange Commission degli Stati Uniti, come riferice anche El Pais, il gruppo si starebbe mettendo al riparo da un eventuale abbondano dell’euro da parte di alcuni Paesi in crisi…

Daniel Settembre di Daniel Settembre5 settembre 2012 | 12:27

SALVARE LA PELLE – Non è la prima e probabilmente non sarà l’ultima. La filiale britannica della prima banca spagnola Santander starebbe infatti adottando misure per tutelarsi dal rischio di un’eventuale rottura della moneta unica da parte di uno Stato membro dell’Ue. Secondo quanto emerge dalla relazione presentata ieri dalla banca alla Sec, come riferisce il quotidiano iberico El Pais, stanno aumentando “le possibilità che uno Stato membro lasci la zona euro”.

QUALCHE INCONGRUENZA – L’entità della copertura sul rischio è pari a 35 miliardi di sterline e riduce l’esposizione sui contratti in euro a soli 100 milioni di sterline. Quantomeno curioso il timing della presentazione del documento, avvenuto poche ore dopo che il presidente dello stesso istituto spagnolo, Emilio Botin, ha dichiarato in una conferenza stampa di essere fermamente convinto che l’euro non si sfalderà.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Crisi, lo spread tifa per un governo

I 5 fondi che hanno ucciso la crisi

Fondi di investimento, NN IP: nuovo comparto green a short duration

Asset allocation, una nuova scommessa sugli emergenti

Reclutamento, i magnifici 7 di Bnl-Bnp Paribas LB

Mediobanca, Nagel attacca: “Il momento è molto triste”

Investimenti: la microfinanza come asset class alternativa

Mercati, gli effetti delle trimestrali

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti: come essere pronti a gestire una crisi

Un poker di abusivi e una vecchia conoscenza…

Consulenti, 8 consigli per non impazzire in ufficio

Dossier fiscale Bitcoin – Le transazioni e il regime ai fini delle imposte dirette

La crisi 2008-2014 ha schiantato l’Italia, il reddito d’inclusione non basterà da solo

P2P lending, l’ultima minaccia dei prestiti multipli

Altro che luce in fondo al tunnel: i fallimenti aumentano

Slovenia: delude l’asta dei titoli di Stato, cresce l’allarme sulle banche

La Spagna pronta a chiedere aiuti. E lo spread risale

Moody’s pessimista: tagliate le stime sul Pil dell’Italia

A Singapore è più bello fare il banchiere

Moody’s e Fitch promuovono l’Italia con riserva

Crisi Europa: Moody’s ci vede chiaro(scuro)

Swiss and Global riduce l’esposizione azionaria

G20, accordo ancora lontano

Draghi: ridurre dipendenza da agenzie di rating

Fed più vicina al quantitative easing

La ripresa? Ricetta in 5 punti

Patto di stabilità Ue, Mussari (Abi): non siamo soddisfatti

La Fed pronta a comprare bond ma su scala ridotta. E il dollaro sale

Nuova riforma vigilanza si parte dal 2011

Ue, Consiglio straordinario ministri esteri

Bini Smaghi, “non è il momento di tassare le banche”

Merkel, priorità tassa sui mercati finanziari

Ti può anche interessare

Reti Champions League: Mossa sa solo vincere, testa a testa Di Muro-Giuliani

Dopo maggio arriva giugno e con lui un’altra intensa giornata della Reti Champions League. Ban ...

Consulenti finanziari, come avere successo: cosa non fare mai con i clienti

Ecco 4 cose che i consulenti finanziari non dovrebbero mai fare con i loro clienti aumentando così ...

Oggi su BLUERATING NEWS: focus sulla raccolta

Tutte le notizie e i protagonisti della giornata ...