Sopaf sotto il faro della Procura di Milano

A
A
A
Avatar di Redazione 19 Settembre 2012 | 14:04
Il fascicolo senza ipotesi di reato nè indagati sulla finanziaria che controlla il 47,5% di Banca Network Investimenti è stato affidato a…

APERTO UN FASCICOLO MODELLO 45 – La procura di Milano ha aperto un’inchiesta senza ipotesi di reato né indagati (il cosiddetto modello 45) su Sopaf, dopo che la settimana scorsa UniCredit aveva presentato istanza di fallimento per la società di investimenti, come banca agente a nome degli istituti creditori della società.

CONTATTI CON CONTROPARTI SOLO PRELIMINARI – Il fascicolo, riportano fonti giudiziarie citate dall’agenzia di stampa Reuters, è stato affidato ai pm Gaetano Ruta e Roberto Pirro Balatto, in seguito al trasferimento in procura degli atti da parte del Tribunale fallimentare. Ieri intanto l’a.d. di Sopaf ,Giorgio Magnoni, ha detto che i contatti avuti con potenziali controparti sono stati solo preliminari, e che quindi l’opzione più probabile per la società resta quella del concordato liquidatorio, la cui domanda dovrebbe essere depositata nei prossimi giorni. 

GHIZZONI: NESSUNA PROPOSTA ALTERNATIVA SUL TAVOLO
– Uno scenario ribadito oggi anche dall’a.d. di UniCredit, Federico Ghizzoni, che ha evidenziato come al momento sul tavolo della banca non ci siano proposte alternative al fallimento per la holding che controlla il 47,5% di Banca Network Investimenti. “Noi per definizione se ci sono proposte le ascoltiamo, ma al momento non le abbiamo”, ha dichiarato Ghizzoni a margine dell’esecutivo Abi.”La flessibilità su proposte concrete c’è”, ha aggiunto.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Finanza & manette: arrestati i Magnoni

Promotori, Aviva è pronta a dire addio a Sopaf e Banca Network

Sopaf va in liquidazione, l’a.d. Magnoni lascia il cda

NEWSLETTER
Iscriviti
X