Rbs alza l’asticella: altri 300 licenziamenti in vista

A
A
A
di Daniel Settembre 24 Settembre 2012 | 14:20
Il colosso bancario britannico eliminerà 3.800 posti di lavoro nella divisione investment banking contro l’obiettivo precedente di 3.500…

QUEI 300 IN PIU’Royal Bank of Scotland ha annunciato il taglio di 300 posti di lavoro in più nella divisione dell’investment banking. Il colosso bancario britannico eliminerà quindi 3800 posti di lavoro per il quarto trimestre di quest’anno contro l’obiettivo dichiarato in precedenza di 3500 dipendenti. Tremila tagli saranno cmpletati già entro fine anno.

RIDURRE I COSTI – Il target è sempre lo stesso: ridurre i costi. E da quando Stephen Hester ha preso la guida dell’istituto sostituendo l’ex ceo, Fred Goodwin, ha ridotto le attività per oltre 800 miliardi di sterline, elimando 36mila posti di lavoro.

TAGLI ASSICURATIVI – Anche Direct Line, l’unità assicurativa di Rbs, ha annunciato all’inizio d questo mese che taglierà circa 900 posti di lavoro con l’obiettivo di risparmiare 100 milioni di sterline in vista dell’ipo di ottobre (vai qui per la notizia).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti