Intesa: Cucchiani, più poteri di credito alle reti

A
A
A
di Daniel Settembre 5 Ottobre 2012 | 06:30
Il numero uno di Ca’ de Sass, al termine di un incontro con i dirigenti, ha spiegato la prima mossa per rilanciare la banca de territorio. E sul tema sindacati…

POTERI ALLA RETE – Una maggiore responsabilizzazione del management periferico e in particolare maggiori deleghe ai direttori di filiali nella erogazione del credito e nelle nomine. Sono i cardini illustrati dall’amministratore delegato di Intesa Sanpaolo, Enrico Cucchiani, nel corso dell’incontro al Lingotto con i dirigenti, per rilanciare la banca del territorio.

BANCA SOLIDA Intesa Sanpaolo non ha problemi di solidità, come hanno dimostrato i risultati degli stress test sugli istituti europei. “Non ci ha sorpreso, eravamo pienamente consapevoli. È una conferma che la banca è solida e gestita con grande rigore” ha detto Cucchiani. La banca supera largamente la soglia del 9% di Core Tier 1 fissato dall’Eba, attestandosi al 10,1%.

COME RAFFORZARSICucchiani ha poi illustrato come il rafforzamento strutturale del gruppo sia stato attivato attraverso otto cantieri di lavoro che riguardano il retail Italia, il corporate e investment banking, le banche estere, il processo del credito, i costi operativi, il wealth management, le fabbriche prodotto e la banca digitale.

TAVOLO CON I SINDACATI – Infine, il manager si è detto fiducioso che la discussione con i sindacati saprà trovare soluzioni adeguate ai problemi che si sono aperti. Il nodo è rappresentato dai circa mille dipendenti della banca che potevano avere accesso alla pensione con la vecchia normativa, ma non potranno ritirarsi dal lavoro, anche a causa della nuova riforma del ministro Elsa Fornero.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, si consolida la ripresa del credito in Italia

Asset allocation: cauti sui tassi ma positivi sul credito

Investimenti, credito globale: ecco cosa emerge dall’outlook di BlackRock

NEWSLETTER
Iscriviti
X