Jp Morgan AM, ecco perché un downgrade del Regno Unito potrebbe essere benefico

A
A
A

Secondo gli esperti, un eventuale declassamento del debito sovrano britannico potrebbe contribuire a far scendere la sterlina…

Avatar di Redazione15 ottobre 2012 | 09:40

REGNO UNITO OSTINATAMENTE A RILENTO -L’economia britannica non ha navigato in buone acque di recente, rimanendo per tutto il primo semestre del 2012 in recessione. E il mercato azionario del Regno Unito, ricordano nel loro report settimanale gli esperti di JP Morgan AM ricordano è stato altresì deludente, con una progressione dell’indice Ftse- 100 relativamente modesta, al 4,3% da inizio anno, a fronte del 10,5% dell’indice paneuropeo Djstoxx600 e di quasi il 14% dell’S&P500”.

ANALISTI PIU’ OTTIMISTI –
Tuttavia, osservano da JP Morgan AM, “tra alcuni analisti è aumentato l’ottimismo in merito sia alle prospettive dell’economia (e delle azioni) del Regno Unito, a seguito di un miglioramento degli indici dei responsabili degli acquisti, sia alla possibilità di un ritorno a una crescita positiva del Pil reale nel terzo trimestre, che potrebbe collocarsi attorno allo 0,5% su base trimestrale. Rimaniamo in parte scettici, ma abbiamo ritenuto utile riesaminare il quadro complessivo. Sebbene la dinamica economica a breve termine appaia migliore nel Regno Unito rispetto a gran parte del continente europeo, il recupero del Pil nel terzo trimestre sembra in larga misura ascrivibile a una ripresa tecnica dai fattori che hanno frenato la crescita nel primo semestre (le condizioni meteorologiche, il Giubileo della Regina e le Olimpiadi)”.

LE STIME PER IL 2013 – “Le stime di consenso per il 2013 danno l’espansione del Pil reale in rialzo a circa l’1%, una prospettiva che non appare eccessivamente entusiasmante, per quanto effettivamente migliore che nella maggior parte dell’Eurozona. Più in generale, in termini reali la produzione economica britannica resta al di sotto del 4% rispetto ai massimi pre-crisi, mentre negli Stati Uniti e in Germania si situa al di sopra dell’1,7% circa”.

E LE PROSPETTIVE A PIÙ LUNGO TERMINE? – “Il Regno Unito è chiaramente alle prese con un ciclo di riduzione dell’indebitamento che sta frenando la crescita, al pari del resto del mondo occidentale per lo più, ma sulla carta ha anche molti fattori che giocano a suo favore. Innanzitutto, il suo maggiore vantaggio è probabilmente lo status di porto sicuro di cui ha beneficiato sui mercati obbligazionari, con rendimenti dei titoli di Stato solo appena sopra quelli statunitensi”.

LA CAPACITA’ DI STAMPARE MONETA – “La principale differenza con altri paesi in fase di austerità del continente europeo è la capacità del Regno Unito di stampare moneta e, pertanto, la minore probabilità di giungere a un’insolvenza conclamata (un’insolvenza camuffata dall’inflazione è decisamente più preferibile tra gentlemen). Un ulteriore (connesso) vantaggio è la volontà della Banca d’Inghilterra (seppur tardiva) di tentare una rottura con quella che era sinora considerata l’ortodossia economica. Questa si è manifestata nella solerzia con cui è stato perseguito l’allentamento quantitativo (il bilancio della Banca d’Inghilterra si è ampliato del 350% circa dal 2008, molto di più del 220% di quello della Federal Reserve o del 170%  della Bce), nonché nella disponibilità a sperimentare nuove politiche come il programma Funding for Lending. Ciò è ovviamente in netto contrasto con l’ostentato impegno del governo a favore dell’austerità fiscale.

UN MERCATO DEL LAVORO RELATIVAMENTE SOLIDO – Un altro vantaggio del Regno Unito è la relativa solidità del suo mercato del lavoro, con una crescita dell’occupazione relativamente vigorosa nel raffronto internazionale fornito dai dati dell’Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo) e un tasso di disoccupazione relativamente stabile attorno all’8% (a fronte di un tasso del 25% circa in un paese parimenti alle prese con l’austerità come la Spagna). Ciò ha consentito al governo di mantenere la rotta dell’austerità, ma ha suscitato un dibattito sul perché la produttività nel Regno Unito sia così fiacca e sull’ipotesi che il reale livello della capacità produttiva inutilizzata sia molto più basso. In tale eventualità, il potenziale di futuro allentamento monetario sarebbe limitato. Una spiegazione avanzata da David Blanchflower, ex membro del Comitato di Politica Monetaria, è che il vero quadro occupazionale avrebbe potuto essere molto più debole, ma cela per lo più l’effetto del rimpatrio dei migranti. Giacché non avevano mai avuto intenzione di sistemarsi stabilmente nel Regno Unito, non erano comunque registrati nei dati sull’occupazione. Se tale spiegazione è anche solo in parte corretta, il dato reale sulla produttività nel Regno Unito può non essere poi così negativo, e un approccio liberale ai flussi migratori ha di fatto aiutato ad attenuare l’impatto avverso dell’austerità fiscale”.

AUSTERITÀ? QUALE AUSTERITÀ? – “Sfortunatamente il governo britannico non è semplicemente stato molto efficace nel riportare il deficit di bilancio sotto controllo. L’Office for Budget Responsibility (Obr) si attende attualmente un indebitamento netto del settore pubblico in flessione al 5,8% del Pil nell’esercizio finanziario corrente, ma anche con ipotesi di crescita piuttosto ottimistiche anticipa una stagnazione al 5,9% l’anno prossimo (escludendo il trasferimento degli attivi del fondo pensione della Royal Mail). Le previsioni sul settore privato sono molto più pessimistiche e alcuni analisti ipotizzano un nuovo ampliamento del disavanzo a quasi il 7% l’anno prossimo. Un declassamento del rating sul debito sovrano del Regno Unito appare pertanto sempre più probabile”.

L’IMPORTANZA DELLE ESPORTAZIONI
-  La crescita delle esportazioni dovrebbe essere una delle principali determinanti della ripresa britannica secondo la classica ricetta dell’Fmi per affrontare i disavanzi eccessivi. Una più rapida crescita degli ordini faceva indubbiamente parte della strategia del governo, ma in termini reali l’export è rimasto stagnante dal secondo trimestre del 2011, forse a dimostrazione del rischio insito quando troppi paesi puntano sull’incremento delle esportazioni per completare il proprio ciclo di riduzione dell’indebitamento. Non tutti i paesi al mondo possono usare le esportazioni in contemporanea per uscire dai guai. Una componente fondamentale del rilancio dell’export dovrebbe essere una moneta nazionale debole. In uno dei nostri Commenti sui Mercati di fine aprile suggerivamo che la sterlina britannica avrebbe dovuto calare ulteriormente per far ripartire le esportazioni. Invece, e nonostante il furioso allentamento monetario della Banca d’Inghilterra, la sterlina si è in realtà rafforzata di recente, apprezzandosi del 4,5% circa contro il dollaro statunitense nella fase di propensione al rischio prevalsa sui mercati dal mese di giugno e di circa il 5% in termini di tasso di cambio effettivo reale da inizio anno”.

CHE NON SIA MAI DETTO! –
“Ci coglie un pensiero vagamente eretico che forse un futuro declassamento del debito sovrano britannico potrebbe essere di fatto benefico. I nostri colleghi del reddito fisso stimano l’impatto di un declassamento del rating del Regno Unito sui rendimenti dei Gilt ad appena 30 punti base circa, difficilmente sufficiente a incidere davvero sulle finanze pubbliche britanniche. Ma l’aspetto positivo sarebbe che un declassamento potrebbe finalmente far abbassare la sterlina. Certamente, sul più lungo termine, la reale soluzione dei guai del Regno Unito è legata alla fine della crisi dell’euro e magari a un ribasso dei prezzi dell’energia. Nel frattempo, ci basterebbero un tasso di cambio più basso e una crescita delle esportazioni un po’ più alta”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Gestori in vetrina – JP Morgan AM

JP Morgan AM, una nuova guida per la sostenibilità

Fondi comuni, Intesa Sanpaolo campione 2017

J.P. Morgan AM porta l’azionario europeo a Bologna e Milano

JP Morgan AM: rialzo dei tassi Usa spinge i costi di copertura in dollari

JP Morgan Am si rafforza con Ward

JP Morgan Am lancia i fondi a cedola mensile

SdR 17, Alfieri (Jp Morgan Am): “Le opportunità del multi-asset”

JPMorgan Am lancia i Model Portfolios

Per Jp Morgan AM una new entry in arrivo da UniCredit Private Banking

Jp Morgan AM, ecco i rischi dell’orientamento al mercato nazionale

Jp Morgan AM, Nuovo Mondo o Vecchio Continente?

Risparmio gestito, Jp Morgan AM viene in aiuto ai professionisti della finanza

Fondi, Jp Morgan AM porta in Italia tre fondi a cedola fissa

Jp Morgan AM, bene le azioni Usa, Canada, Europa e Giappone

Jp Morgan AM, occhio ai moltiplicatori fiscali

Jp Morgan AM, il nuovo governo è una buona opportunità per il Giappone

Jp Morgan AM, ultimo appuntamento prima di Natale

Jp Morgan AM, a tu per tu con un “osservatore navigato”

Jp Morgan AM: Obama vince e gli Usa ricominciano da capo

JP Morgan, le transizioni politiche fanno tremare gli investimenti

JP Morgan AM, se il Giappone è il nuovo sottopeso di consenso

Jp Morgan AM: Esportazioni asiatiche, vera ripresa o fuoco di paglia?

Fondi, JP Morgan AM scommette sull’Italia

JP Morgan AM, occhi puntati sull’economia statunitense

JP Morgan AM, cinque temi per il quarto trimestre

JP Morgan AM, cosa c’è dietro le mosse delle banche centrali

JP Morgan AM: Draghi sfodera la sua arma, ma poi di fatto la ritira

Jp Morgan am, la riunione della Bce? Tutto fumo, niente arrosto

Jp Morgan am, la Bce è ben lungi dal gettare la spugna

JP Morgan am, un pessimismo eccessivo potrebbe rivelarsi controproducente

Jp Morgan am, consumatori sull’orlo del precipizio fiscale

Ti può anche interessare

Carige, spuntano le telefonate di Conte nel salvataggio di stato

Il presidente del Consiglio accusato dalle opposizioni di conflitto d'interesse. Ma lui: "Assurdo pe ...

Gestione di portafogli abusiva, arriva la doppia sanzione

Consob ha ingiunto il pagamento di diverse migliaia di euro a Stefano Crivelli e Andrea Celletti ...

Consulenza finanziaria, Poste Italiane all’attacco

Presentato il bilancio 2018 dalla società guidata da Matteo Del Fante. Utili in aumento del 33% nei ...