Sopaf va in liquidazione, l’a.d. Magnoni lascia il cda

A
A
A
Avatar di Redazione 16 Ottobre 2012 | 07:13
I contenuti del concordato preventivo di natura liquidatoria, deliberato dal cda della finanziaria che controlla il 47,5% di Banca Network, saranno definiti entro…

CONCORDATO PREVENTIVO DI NATURA LIQUIDATORIA – Niente da fare per Sopaf. Il cda della finanziaria che ha in pancia il 47,5% di Banca Network Investimenti, riunitosi ieri, ha preso atto che le trattative con soggetti terzi per una soluzione di continuità (qui la notizia) non si sono concretizzate, e ha deliberato di optare per il concordato preventivo di natura liquidatoria. I contenuti del concordato saranno definiti entro il termine concesso dal Tribunale di Milano, precisamente entro il 22 novembre (qui la notizia).

A BREVE L’ASSEMBLEA PER LA NOMINA DEI LIQUIDATORI – Il consiglio ha anche conferito mandato al vice presidente di convocare, senza indugio, l’assemblea degli azionisti per la nomina dei liquidatori e ha deliberato di ritirare il progetto di bilancio al 31 dicembre 2011 redatto sul presupposto della continuità aziendale e di procedere alla predisposizione di un nuovo progetto di bilancio da redigersi tenuto conto del mutato contesto.

GIORGIO MAGNONI LASCIA IL CDA
– In coerenza e condivisione delle scelte assunte dal cda, Giorgio Magnoni si è dimesso dalla carica di amministratore delegato rimettendo, così come anche Luca Magnoni, le deleghe operative conferitegli dal cda.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Promotori finanziari, due new entry in FinecoBank

Banca Network, da dipendenti e pf amarezza e preoccupazioni

Promotori Finanziari – Dal Veneto una ventata d'ottimismo

NEWSLETTER
Iscriviti
X