Mps precisa: Profumo non ha chiamato Ermotti

A
A
A
di Redazione 18 Ottobre 2012 | 11:09
La banca ha smentito le indiscrezioni secondo cui il management di Rocca Salimbeni avrebbe sondato la disponibilità di Ubs ad assumere l’incarico di advisor per l’aumento di capitale da un miliardo…

NESSUNA CACCIA A NUOVI INVESTITORI – Banca Monte dei Paschi di Siena non ha sondato la disponibilità di Ubs né di altri soggetti relativamente all’ipotesi di aumento di capitale da un miliardo di euro su cui sul l’assemblea straordinaria degli azionisti ha deliberato lo scorso il 9 ottobre 2012 di attribuire delega al cda. Lo ha precisato oggi lo stesso sitituto di credito senese, dopo alcune indiscrezioni di stampa secondo cui il management di Mps avrebbe già dato il via alla caccia ai nuovi potenziali investitori destinati a prendere il posto della Fondazione Mps che non potrà partecipare all’aumento.

LE INDISCREZIONI – Secondo le indiscrezioni in particolare, la banca sense avrebbe già cominciato a sondare la disponibilità di alcuni advisor a cui affidare l’incarico di seguire il delicato dossier, in primis proprio la svizzera Ubs, oggi guidata da Sergio Ermotti, che il presidente di Mps, Alessandro Profumo, conosce bene perché lo aveva voluto a UniCredit tra i suoi quattro vice.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti