Bpm: con i sindacati la partita è ancora aperta

A
A
A
Avatar di Redazione 22 Ottobre 2012 | 07:48
In ballo oltre 700 esuberi previsti dal gruppo bancario milanese. Alla scadenza pattuita delle trattative non si è ancora trovato un accordo.

PARTITA APERTA – Vertice che si è chiuso con un nulla di fatto. L’incontro tra il management della Banca Popolare di Milano coi sindacati sugli esuberi (mille lordi e 700 netti), alla scadenza del periodo di 50 giorni previsto per la trattativa sul piano industriale al 2014 (vai qui per la notizia), non è riuscito a trovare l’accordo e quindi tutto viene rinviato. I rappresentanti dei lavoratori si confronteranno con le segreterie nazionali probabilmente mercoledì 24 ottobre per poi tornare al tavolo con l’azienda il prossimo fine settimana.

COSTI TROPPO ALTI
– L’obiettivo di Bpm è abbassare l’alto costo del lavoro, circa 82mila euro in media, più elevato di circa il 10%/15% rispetto a quello degli altri istituti italiani. Stesso discorso per il numero di dipendenti: circa 8.500 a livello di gruppo.

I SINDACATI
– Le sigle dei sindacati Uilca e Fisac sembrano essere più accomodanti di Fabi e Fiba su queste problematiche. “La quantità degli esuberi è eccessiva, vogliamo cercare di intervenire sul quel numero e trovare una soluzione che permetta all’azienda di raggiungere l’obiettivo di risparmio sui costi previsto dal piano industriale”, ha spiegato Sandro Meneghini, segretario regionale per la Lombardia della Fisac Cgil.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banco Bpm, il bilancio sorride

Blueindex: Natixis in luce, Banco Bpm in altalena

Banco Bpm guarda alla Consulta per completare procedura recesso

NEWSLETTER
Iscriviti
X