Azimut scommette su se stessa

A
A
A
di Andrea Giacobino 7 Giugno 2017 | 08:47
Completata la seconda tranche di acquisto di azioni proprie. In vista di acquisizioni o alleanze.

Azimut Holding, la rete di consulenti finanziari e private banker presieduta da Pietro Giuliani e guidata da Sergio Albarelli (nella foto) ha puntato 25 milioni su se stessa. Ieri sera, infatti, è stato comunicato il completamento della seconda tranche delle operazioni di acquisto di azioni proprie per un controvalore complessivo pari a 25 milioni di euro. Ad oggi Azimut Holding detiene, secondo il sito Consob, il 7,5% di azioni proprie.

Il programma di buy-back è stato deliberato dall’assemblea degli azionisti del 28 aprile del 2016 ed è valido per 18 mesi, ossia fino al 28 ottobre 2017. Il programma è volto all’acquisto di azioni ordinarie della società al fine di realizzare operazioni di successiva rivendita sul mercato o di disporre di azioni proprie da utilizzare a fronte di operazioni di acquisizione o permuta di partecipazioni societarie.

Le azioni acquistate sul mercato permetteranno inoltre ad Azimut di costituire la provvista necessaria a dare esecuzione ad eventuali piani di azionariato o al servizio di strumenti finanziari convertibili in azioni della società. Il quantitativo massimo di azioni Azimut acquistabili in esecuzione del programma è pari a 18.263.710 azioni, ossia circa il 13% del capitale della società. Il programma prevede un prezzo di acquisto massimo fissato a 50 euro per azione.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Azimut, un finanziamento per il “made in Italy”

Consulenti, ecco le banche-reti più “cattive”

Azimut, shopping nella dermocosmesi

NEWSLETTER
Iscriviti
X