Cr Asti, il cda dà il via libera all’aumento di capitale

A
A
A
di Redazione 16 Novembre 2012 | 08:52
La proposta, che sarà sottoposta all’assemblea degli azionisti, prevede un importo totale di circa 70 milioni di euro

OK ALLA PROPOSTA – Il cda della Cassa di Risparmio di Asti ha dato il via libera alla proposta di aumento del capitale sociale a titolo gratuito e a pagamento, per un importo complessivo di circa 70 milioni di euro, operazione già annunciata lo scorso 9 agosto 2012.

AUMENTO GRATUITO – La proposta, che sarà sottoposta all’approvazione dell’assemblea straordinaria degli azionisti tra dicembre e gennaio, prevede un aumento a titolo gratuito per circa 21 milioni mediante il passaggio a capitale sociale dello stesso ammontare prelevato dalle riserve con l’emissione di nuove azioni da assegnare gratuitamente a tutti gli azionisti (una nuova azione per ogni 9 azioni possedute).

A PAGAMENTO – A questo si aggiungerà un aumento del capitale sociale a pagamento, in via scindibile, per un controvalore massimo di circa 50 milioni, incluso il sovrapprezzo, da offrire in opzione a tutti gli azionisti della banca dopo l’aumento gratuito. La proposta prevede inoltre che il prezzo di emissione, il numero delle nuove azioni e il rapporto di opzione siano determinati da un successivo cda, che si riunirà in prossimità dell’avvio dell’offerta in opzione.

PREZZO DI EMISSIONE – Il prezzo unitario di emissione delle nuove azioni, sempre secondo il progetto, sarà compreso tra un minimo di 12 euro e un massimo 14,50 euro, incluso il sovrapprezzo. Inoltre, si prevede che l’offerta in opzione relativa all’aumento di capitale a pagamento possa avvenire, successivamente all’acquisizione della partecipazione di controllo in Cassa di Risparmio di Biella e Vercelli (Biverbanca), entro il primo trimestre del 2013.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banca CR Asti sale al 70% di Pitagora

NEWSLETTER
Iscriviti
X