Banche, decretata l’insolvenza per il Credito cooperativo fiorentino

A
A
A

L’istituto, guidato per oltre 20 anni dal coordinatore del Pdl Denis Verdini, era stato posto in liquidazione coatta amministrativa il 27 marzo

di Redazione20 novembre 2012 | 11:06

STATO DI INSOLVENZA – Il tribunale fallimentare di Firenze ha decretato ieri lo stato di insolvenza del Credito cooperativo fiorentino alla data del 27 marzo 2012, quando per l’istituto è scattato il provvedimento di liquidazione coatta amministrativa. Lo riferisce l’agenzia di stampa Reuters, precisando che sempre il 27 marzo la banca – guidata per oltre 20 anni dal coordinatore del Pdl Denis Verdini – è stata ceduta a Chianti Banca.

54 PERSONE INDAGATE – Per vicende legate al Credito cooperativo fiorentino sono indagate 54 persone, tra cui lo stesso Verdini e il senatore del Pdl Marcello Dell’Utri: per loro la procura di Firenze ipotizza diversi reati a vario titolo, tra i quali l’associazione a delinquere finalizzata all’appropriazione indebita. A seguito della decretazione dello stato di insolvenza, si apre la possibilità per la procura di indagare sull’ipotesi di bancarotta.


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Agenzia delle entrate sui bond: credito d’imposta anche se non c’è rimborso

Domanda. Possibile che non si riesca a far recuperare almeno il credito di imposta per i tanti che ...

Widiba, bis di ingressi a Torino

Insieme a due professionisti junior, sono 4 i consulenti che sono andati a rafforzare la squadra di ...

Reti, raccolta positiva a giugno, polizze con meno appeal

Flussi netti di 3,1 miliardi nel mese scorso per i network di consulenti finanziari. Cala la raccolt ...