Promotori, Consob fischia una sospensione cautelare

A
A
A

Protagonista della vicenda è Bruno Esposito, pf napoletano iscritto al registro dal 1992 e ritenuto responsabile di…

di Redazione27 dicembre 2012 | 14:00

SOSPENSIONE IN VIA CAUTELARE – Pochi giorni prima della fine dell’anno la Consob ha reso noto un altro provvedimento, questa volta una sospensione in via cautelare di 60 giorni, nei confronti di un promotore finanziario poco trasparente. Ma, viste le irregolarità commesse, la Commissione sembra orientata verso la più drastica misura di radiazione dall’Albo.

IL PROTAGONISTA DELLA VICENDA – Protagonista della vicenda è Bruno Esposito, pf napoletano iscritto al registro dal 1992. Lo scorso settembre FinecoBank ha comunicato alla Consob di aver risolto per giusta causa il contratto di agenzia con il promotore e di aver avviato una verifica sul suo operato dopo aver ricevuto dall’ufficio back office fondi la segnalazione di alcune anomalie circa la posizione di una cliente assegnata proprio a Esposito.

TUTTO NASCE DALLA RICHIESTA DI UNA CLIENTE – Tutto è nato, spiega la Consob nella sua delibera numero 18371 (qui il testo completo),  quando la cliente ha chiesto lo scorso agosto di disinvestire, trasferire e riscattare una serie di titoli e strumenti finanziari, alcuni dei quali però non corrispondevano alla sua posizione finanziaria, bensì a quella di altre tre persone: due clienti di un altro promotore finanziario e una cliente di Esposito.

30 BONIFICI A FAVORE DEL PF
– Analizzando l’operato del promotore, è poi emerso che dal 19 gennaio 2010 al 27 luglio 2012, sul c/c intestato alla cliente con delega a un secondo soggetto, sono stati addebitati 30 bonifici bancari per un controvalore totale pari a 299.900 euro, tutti aventi come beneficiario il promotore finanziario Bruno Esposito. Nello specifico, 29 bonifici sono stati accreditati su un conto intestato al promotore presso IW Bank, e uno sul conto del promotore acceso presso FinecoBank. Inoltre sul conto corrente della cliente risultano due bonifici di 7.000 e 4.000 euro a favore di altre tre persone. Tutti questi bonifici, segnala ancora la Consob, sono stati effettuati  tramite il canale internet. E 12 di questi, per un controvalore di 70.400 euro, sono stati disposti dall’indirizzo internet IP riconducibile al point FinecoBank dove operava Bruno Esposito.

GLI ACCERTAMENTI
  – La cliente titolare del conto, contattata da Fineco, ha dichiarato di non aver mai disposto né autorizzato i 30 bonifici e ha spiegato che né lei né la persona delegata all’utilizzo del suo conto corrente possedevano i codici di accesso ai servizi online. Il promotore finanziario Esposito ha dunque disposto i bonifici bancari in totale autonomia e senza l’autorizzazione dell’intestataria o del delegato, ha detto ancora la donna, assicurando inoltre che i titoli e gli strumenti finanziari indicati nella richiesta di disinvestimento, trasferimento e riscatto presentata in agosto erano valorizzati nella documentazione che il pf le aveva consegnato. Esposito da parte sua ha dichiarato, in un incontro con alcuni rappresentanti di FinecoBank, di non essere in possesso delle credenziali di accesso al servizio di home banking dei clienti, che i 30 bonifici erano dei prestiti concordati con un altro soggetto (di cui la delibera della Consob non riporta il nome) e che la somma ricevuta in prestito era stata utilizzata per soddisfare esigenze personali come il pagamento degli alimenti alla ex moglie, e non per le motivazioni riportate nelle causali dei singoli bonifici.

LA VERSIONE DI ESPOSITO – Il pf ha detto inoltre di non voler fornire informazioni in merito alla richiesta di disinvestimento, trasferimento e riscatto dei titoli e strumenti finanziari presentata dalla cliente, inerente a prodotti d’investimento valorizzati nel portafoglio titoli di altri clienti della banca. In data 11 settembre la cliente di Esposito ha presentato poi un esposto, tramite il suo legale, sia presso la Consob sia presso FinecoBank, in cui ribadisce le dichiarazioni rilasciate alla banca.

LA DECISIONE DELLA CONSOB
– Al termine di tutte le verifiche, la Consob ha ritenuto esistenti, a carico del promotore, elementi che facciano presumere l’acquisizione della disponibilità di somme e di valori di pertinenza dei clienti; l’elaborazione e la consegna di documentazione e rendicontazioni riportanti informazioni non rispondenti al vero e l’utilizzo dei codici di accesso telematico ai rapporti di pertinenza dei clienti. Condotte passibili di radiazione, che compromettono l’affidabilità del promotore nei confronti dei risparmiatori. Proprio in ragione della necessità e dell’urgenza di proteggere gli investitori, la Commissione ha dunque deciso per il momento di sospendere Esposito in via cautelare dall’esercizio dell’attività per un periodo di sessanta giorni.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, l’asset manager italiano compra a Dublino

Consulente sospeso, riabilitato, risospeso e poi radiato

Violazioni assortite, radiato ex Mediolanum

Gestione di portafogli abusiva, arriva la doppia sanzione

Siti sospetti, ecco le segnalazioni Consob

Consob: ecco i doveri dei giornalisti finanziari

Arriva la delibera Consob, Vigilanza all’Ocf dal 2 luglio

Stop di due mesi per un ex Fineco

Gli investimenti sono (non solo) un gioco

La Consob sanziona una società abusiva

Operazioni sospette, sospeso un ex Credem

Sospetti di appropriazione indebita, sospeso un ex cf di Banca Mediolanum

Sorgente Sgr, ricorso in appello contro le multe Consob

Raffica di multe, Sorgente Sgr ricorre

Co.Mo.I. Sim cancellata dall’albo

Società abusive, gli altolà della Consob

La Consob colpisce a Perugia: radiato ex Fineco

Via libera Consob: nasce il Comitato degli operatori di mercato e degli investitori

Stop di 60 giorni per un cf ex Credem

Consob e la macchina delle sanzioni

Le nuove regole dei servizi d’investimento, facciamo il punto

False rendicontazioni, stop per 4 mesi a un ex Widiba

La scure della Consob su un ex Sanpaolo Invest

Consob day: rivivi il discorso di Mario Nava

Un nuovo segretario generale per Consob

Consob, meno sanzioni per i cf

Nava (Consob): “Più azioni e meno titoli di debito nei portafogli”

CariCesena, respinti i ricorsi degli ex vertici

Popolare di Vicenza, respinte le opposizioni

Trading online, triplice stop della Consob

Firme false e altri addebiti, sospeso ex Fideuram Ispb

Consob e Bankitalia, attenzione al phishing

Treviso, stop per quattro mesi a un cf Fideuram Ispb

Ti può anche interessare

Bnl–Bnp Paribas Life Banker, 8 arrivi dalle big

La rete guidata da Ferdinando Rebecchi ingaggia 6 cf in Lombardia e 2 in Sicilia. Nel mirino del rec ...

Pronti contro termine, Consob “multa” Banca Intermobiliare

Sanzioni comminate per tre operazioni di “pronti contro termine” deliberate dal cda di Bim in fa ...

La carica dei 330 di Ubi Banca

LARGO AI GIOVANI – UBI Banca conferma l’impegno nell’attività di recruitment e gli obie ...