Ennio Doris dimentica Mediolanum per un istante e vola al Ces di Las Vegas

A
A
A
di Redazione 14 Gennaio 2013 | 16:30
Il numero uno di Mediolanum ha lasciato per qualche giorno Basiglio e il suo gruppo per presentare il suo progetto tutto tecnologico: lo smartwatch che si comporta come un tablet, ideato da Manuel Zanella e Massimiliano Bertolini (nella foto insieme a Doris).

ENNIO DORIS A LAS VEGAS Ennio Doris dimentica per qualche giorno fondi, raccolta netta e family banker. E vola a Las Vegas per assistere alla presentazione ufficiale al Ces di I’m Watch, l’orologio “smart” ideato da Manuel Zanella, ingegnere ed ex promotore finanziario di Banca Mediolanum, e Massimiliano Bertolini, architetto e mente commerciale, entrambi soci al 25% dell’impresa (qui la notizia sul prodotto). Il numero uno di Mediolanum ha finanziato il 50% del progetto, e ha messo alla presidenza della start-up I’m spa il suo braccio destro, Edoardo Lombardi, già consigliere nel board di Mediolanum e presidente di Banca Esperia (qui l’ultima notizia di BLUERATING che lo riguarda).

IL PROGETTO I’M WATCH – I’m Watch – un orologio da polso che dialoga con lo smartphone e consente di consultare email, ricevere chiamate, ascoltare musica e così via – era già stato presentato l’anno scorso proprio a Las Vegas ottenendo migliaia di preordini da tutto il mondo, ma poi l’impresa aveva rischiato di deragliare, ricorda un articolo di Corriere.it. Ora però i problemi sembrano alle spalle: “la consegna slittava perché si continuavano ad aggiungere funzioni al software”, ha spiegato Doris. “Abbiamo fatto un “punto a capo” e offerto un rimborso o uno sconto a chi aveva pre-ordinato. Solo il 10% ha rinunciato. Abbiamo spedito 30 mila I’m Watch”. E per il 2013 la speranza è di arrivare a 250 mila.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Ennio Doris, un botto da 500 milioni

“Io, Ennio Doris e quella volta ad Arcore”

Ennio Doris (Banca Mediolanum): “Fusione tra banche? Sì ma per gli altri”

NEWSLETTER
Iscriviti
X