Liborgate: Rbs pronta a pagare 500 milioni di sterline. Ma niente mea culpa

A
A
A
di Redazione 29 Gennaio 2013 | 10:56
Secondo il Wall Street Journal, le sanzioni pecunarie per il gruppo dovrebbero ammontare a 500 milioni di sterline ma la banca inglese non pensa all’ammissione di colpa

MULTA SALATA – Cotinua lo scandalo Libor, il tasso interbancario inglese (l’omologo del nostro Euribor). Secondo quanto scrive il “Wall Street Journal”, infatti, dopo Ubs (qui la notizia) e Barclays, per Rbs dovrebbe arrivare una multa di circa 500 milioni di sterline. Inoltre le autorità statunitensi chiedono all’istituto inglese l’ammissione di colpa del gruppo bancario, che però non intende fare.

IL MEA CULPA – Il “mea culpa”, secondo alcuni funzionari di Rbs, farebbe cattiva pubblicità e favorirebbe una fuga di clienti e un aumento dei costi. La divisione giapponese di Ubs si dichiarò invece colpevole di truffa (qui la notizia). E intanto proseguono le indagini che vedono coinvolti grandi istituti di credito come Deutsche Bank rete di trader, accusati della manipolazione dei tassi interbancari.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Consulenza, ora gli italiani ci credono di più

Consob, malumori interni

Board Generali, la Consob inizia gli esami

NEWSLETTER
Iscriviti
X