Mps: ecco cosa devono sapere correntisti e risparmiatori

A
A
A
di Daniel Settembre 29 Gennaio 2013 | 15:44
Oltre alle rassicurazioni dei vertici di Rocca Salimbeni, chi ha sottoscritto azioni, obbligazioni o derivati possono dormire sonni tranquilli? Ecco cosa c’è da sapere.

PROBLEMI PER I RISPARMIATORI – Lo scandalo derivati di Mps ancora infuria sui mercati finanziari. Dopo le ultime vicende intorno all’istituto, e con le indagini che si allargano a macchia d’olio, i dirigenti si affannano a tranquillizzare correntisti e risparmiatori. “Secondo noi”, ha spiegato da ultimo Fabrizio Viola, amministratore delegato di Rocca Salimbeni, al termine dell’assemblea straordinaria, “possono stare assolutamente tranquilli. Ho visto che oggi anche l’autorità di vigilanza si è espressa in proposito”. Ma è davvero così? Ecco alcune cose che è bene tenere a mente.

CONTO CORRENTE TUTELATO – Assodato che di fatto il fallimento di una banca è cosa molto rara e che nel caso di Mps, secondo gli esperti, questa eventualità è remota, il sottoscrittore di un conto corrente è comunque tutelato dal Fondo interbancario di tutela dei depositi (Fitd), cui tutte le banche sono obbligate ad aderire. In caso di fallimento quindi il Fondo interverrà rimborsando i correntisti fino a 100mila euro. Tutelati anche conti deposito gli assegni circolari e i certificati di deposito nominativi.

AZIONI E OBBLIGAZIONI – Per azioni e obbligazioni il discorso è leggermente diverso. Per il primo caso infatti c’è un consapevole invstimento nella società (nella banca in questo caso), e chi lo sottoscrive partecipa alle fortune e alle sfortune della banca. Così come nel secondo caso le garanzie di un ritorno, o di un rimborso, dell’investimento non ci sono. Il rischio, in altre parole, è tutto a suo carico. Diverso ancora il caso di derivati, fondi pensione, fondi comuni o etf. Il sottoscrittore, infatti, di questi prodotti finanziari ha piena tutela in caso di criticità dell’istituto bancario. Il denaro spesso si trova presso una banca depositaria che lo gestisce.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti