Intesa Sanpaolo si accorda con i sindacati su 600 esuberi

A
A
A
di Redazione 12 Aprile 2013 | 10:30
E’ quanto riportano fonti sindacali, che parlano di uscite con incentivi al pensionamento e all’accesso volontario al fondo di settore.

ACCORDO RAGGIUNTOIntesa Sanpaolo ha trovato un accordo con i sindacati per la gestione di 600 uscite, tra pensionamenti e esodi, dovute alla riorganizzazione e alla chiusura di alcune società del gruppo. È quanto riportano fonti sindacali, che parlano di uscite con incentivi al pensionamento e all’accesso volontario al fondo di settore. L’accordo prevede inoltre, scrivono i sindacati, “l’assunzione di lavoratori ex tempo determinato in base al numero di uscite per pensionamento”.

I DETTAGLI – I 600 esuberi dichiarati dalla banca derivano da trattative nel gruppo relative a fusioni o accorpamenti di società, effettuate a partire dal 2012. L’accordo è stato firmato a Roma da Fabi, Fiba-Cisl, Fisac-Cgil, Uilca, Dircredito, Sinfub, Uglcredito e dalla delegazione di Intesa Sanpaolo, guidata dal chief operating officer Francesco Micheli.

PARLANO GLI ANALISTI – “Noi ci aspettiamo una riduzione del costo del personale nel 2013 dello 0,5%”, hanno detto gli analisti di Intermonte (giudizio interessante, con target price di 1,70 euro): “con questo accordo, il valore dei risparmi raggiunti nel corso dell’anno potrebbe salire”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X